La Puglia vola all’Aerospace con 10 aziende

Bari. Alla convention torinese dell'aereospaziale la Puglia si presenta quest’anno con 10 aziende, questa volta anche come progettisti

Bari. 10 aziende pugliesi all'Aerospace & Defence Meetings di Torino. La Regione Puglia sara' presente all'Oval del Lingotto con un proprio spazio espositivo per accompagnare gli imprenditori pugliesi del settore nello sviluppo di nuove opportunita' di collaborazione con operatori internazionali. Durante l'edizione 2011 ha registrato la presenza di circa 600 imprese, provenienti da 25 Paesi diversi, che hanno dato vita a piu' di 8.000 incontri d'affari. In Puglia, segnala una nota della regione, “ci sono oltre 80 aziende di ogni dimensione e piu' di 5.500 lavoratori operanti nel settore dell'Aerospazio che nel 2012 ha realizzato un miliardo di euro di fatturato. La loro apertura verso i mercati internazionali e' una realta' consolidata e nel 2012 l'export regionale nel settore aerospaziale rispetto all'anno precedente e' cresciuto il doppio del valore nazionale: +36,9% in Puglia e +18,9% in Italia. Le esportazioni pugliesi nel 2012 hanno registrato un valore di circa 396 milioni di euro, pari al 7,5% del risultato settoriale nazionale (circa 5,3 miliardi di euro)”. “La nostra regione – sottolinea l'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Loredana Capone – siamo passati da esecutori di progetti sviluppati altrove a progettisti. E' avvenuto perché abbiamo spinto su ricerca, innovazione e anche formazione, mettendo in rete le università, gli istituti tecnici superiori e le aziende. Ma e' avvenuto anche perche' abbiamo istituito i distretti produttivi e tecnologici. Grazie a tutto cio' oggi la Puglia e' un centro di eccellenza nazionale per i materiali compositi e puo' vantare una crescita nelle esportazioni pari al doppio del dato nazionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!