Blasi, subito un consiglio regionale su Tap e Cerano

Bari. Sergio Blasi scrive al presidente del consiglio regionale affinchè venga subito convocato un consiglio urgente e monotematico su Tap e Cerano

Bari. Sergio Blasi chiede un consiglio monotematico urgente per discutere di Tap. Scrive Blasi: “Per proporre eventuali azioni politiche tese a diminuire l’impatto ambientale dell’opera (insostenibile, come già documentato dalla Commissione ambientale Via della Regione Puglia). E per arrivare a definire una posizione chiara e univoca del Consiglio regionale Pugliese sul progetto Tap per come lo conosciamo oggi. In merito alle repliche trapelate dalla centrale di Cerano sulla insostenibilità economica di una riconversione a gas, vorrei precisare che, per come la immagino io, in una azione così importante, direi vitale per la tutela della salute dei brindisini e dei salentini (sui quali piovono i fumi del carbone bruciato a Cerano), la Regione Puglia non giocherebbe un ruolo impositivo ma propositivo e partecipativo. Si tratta di realizzare una impresa che, mi rendo conto, è difficile anche da immaginare, ma che questa terra, i suoi abitanti e anche i tanti morti di emissioni inquinanti, continuano a chiedere”. Una battaglia, dunque, per cercare di ambientalizzare Cerano e impedire lo scempio di una marina come San Foca secondo Blasi sarebbe una grande opera per la quale vale la pena spendere tutta la nostra capacità progettuale e tutto il nostro coraggio politico. “Se questo progetto – conclude – non può essere realizzato – e non ho sentito finora ragioni sufficientemente forti perché questo non avvenga – ognuno deve dirlo davanti ai pugliesi, nella maggiore istituzione democratica della Puglia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!