Continua la mobilitazione dell’avvocatura

Lecce. Pochi dipendenti in cancelleria, cancellazione di molte sedi distaccate. Questi i motivi della due giorni di mobilitazione degli avvocati salentini

Lecce. Continua l’astensione dell’avvocatura salentina. Dopo la cancellazione di molte sedi distaccate, Campi Salentina, Casarano, Galatina, Gallipoli, Maglie, Nardò e Tricase, moltissimi sono stati i disagi. Ancora oggi, infatti, rimarrà lo stato di agitazione, nel capoluogo salentino si sono riuniti i rappresentanti di: l’Oua (Organismo unitario avvocatura), rappresentato dall’avvocato Giuseppe Bonsegna; il Cnf (Consiglio nazionale forense), con l’avvocato Antonio De Giorgi; e l’Ordine degli avvocati con il presidente Raffaele Fatano per discutere e spiegare il perché di questo astensionismo. Tra i mali peggiori secondo il presidente Fatano i tempi lunghissimi per le udienze, delle volte ulteriormente rinviate a questo va aggiunta la penuria del personale di cancelleria, bloccati dal carico di lavoro eccessivo per un così minor numero di dipendenti. Per questo motivo la categoria ha deciso di astenersi dalle udienze ed incontrare il presidente della corte d’appello Mario Buffa per presentare il quadro della situazione non certo rosea. “L’avvocatura non può essere soggetta ad alcun condizionamento – fanno sapere – deve riappropriarsi del suo ruolo di autonomia e tutelare gli interessi del cliente”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!