Sorpresa: Tap+Ue stessa sede

Roma. Via 4 novembre 149, è la sede romana di Tap. Nessuna targa però che rimandi alla società del gasdotto. Ma a sorpresa ci sono quelle della commissione europea

Roma. Una nuova puntata si aggiunge alla telenovelas Tap. Il perché è presto detto. Il sito recommong.org ha fatto le pulci alla visura camerale di Tap – ma questo lo aveva già raccontato la nostra direttora in: Tap, ecco chi sono i soci: solo cittadini anonimi – ebbene oltre a non capire chi possano essere i consiglieri d’amministrazione di Tap, nella sede romana in pieno centro a Roma in Via 4 Novembre, non esiste la targhetta di Tap – come ci si potrebbe aspettare – bensì quella della Commissione europea. Quindi di fatto non si conosce gran che dell’organigramma dell’azienda. “Tra le questioni su cui il governo italiano si auspica riferirà nelle prossime settimane, scrive reccomon.org, vi è quella della personalità giuridica della società costituita per la costruzione del progetto, la Trans Adriatic Pipeline GA, registrata a Baar, nel cantone di Zugo in Svizzera. Fino a questo momento è imbarazzante l’incapacità del nostro esecutivo di fornire delucidazioni in merito a chi siano i titolari di questa società intestata a “persone anonime”, al punto da sollevare dubbi sull’autenticità della forma giuridica della TAP”. Altro fatto grave, secondo il sito, è che il governo italiano stia combattendo contro il trasferimento dei capitali all’estero e di fatto si prepari a facilitare l’uscita di milioni di euro al giorno con l’affare Tap, questo perché l’azienda ha sede in Svizzera, in particolare a Zugo, noto paradiso fiscale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!