Oro per la pugile barese Eva Magno

Padova. Eva Magno si è aggiudicata l’oro ai campionati italiani di categoria a Padova, grande la soddisfazione nelle sue parole

Padova. Oro per Eva Magno ai campionati italiani elite femminili a Padova. Per l’atleta della società Accademia Pugilistica Portoghese di Bari si concretizza il titolo italiano. L’evento, si è svolto dal 27 al 29 settembre scorsi all’interno del Palasport Filippo Raciti. Alla prestigiosa kermesse, hanno preso parte 57 le atlete, suddivise nelle seguenti categorie di peso: 48 kg (8); 51 kg (8); 54 kg (8); 57 kg (4); 60 kg (7); 64 kg (8); 69 kg (6); 75 kg (5); +81 kg (3). A rappresentare il Comitato Regionale FPI Puglia-Basilicata, la 24enne (il prossimo 11 ottobre) Eva Magno, protagonista assoluta nei 54 kg. L’atleta sostenuta all’angolo dal maestro Antonio Portoghese, ha inanellato tre vittorie utili per conseguire l’ambita medaglia d’oro. Eva, ripercorriamo il tuo cammino in terra veneta “Beh, l'esordio contro la lombarda Vissia Trovato della The Ring Cernusco (Cernusco sul Naviglio), è stato gestito per il meglio. Dopo un inizio votato all'attacco, mi sono limitata a gestire al meglio il match, anche perché i colpi della mia avversaria erano pesanti. Il finale si è concluso con il punteggio di 16-6 in mio favore. Giunta in semifinale, devo ammettere che la tensione si è fatta sentire un po’, anche perché contro la lombarda Alessandra Manfredini (Associazione Pugilistica Pavia) avevo già perso. Per fortuna la mia grande voglia di far bene mi ha portato a condurre un match incisivo che mi ha fruttato la vittoria per 18-11. La difficile affermazione ottenuta in semifinale, mi ha caricato al massimo, quindi giunta nell’ultimo atto, avevo davanti ai miei occhi un solo obiettivo: vincere la medaglia d’oro ed indossare la canotta tricolore. Per fortuna così è stato; ovviamente non è stato semplice, anche in considerazione del fatto che in finale, la piemontese Martina Mercinelli (Boxe Chieri), è una mancina, quindi ho dovuto trovare le misure giuste. La conclusione al termine delle quattro riprese, mi ha proiettata sul punteggio di 13-9 ma soprattutto sul tetto d’italia”. Cosa rappresenta per te questa prestigiosa affermazione “Sicuramente l'inizio di un sogno, o meglio, il momento in cui si è concretizzato un nuovo obiettivo. Prima la convocazione in nazionale, ora la conquista del titolo italiano, sono traguardi raggiunti dopo tanti sacrifici e segnano un nuovo percorso”. Un percorso che dovrebbe condurti dove? “Il mio sogno è certamente la possibilità di poter essere arruolata nel gruppo sportivo dell’Esercito per poi puntare verso le Olimpiadi. Per adesso comunque continuo ad allenarmi e a studiare: molto probabilmente il prossimo mese di luglio dovrò conseguire la Laurea in Scienze della Comunicazione”. Grande gioia anche per il tuo maestro Antonio Portoghese “Sì, la ma felicità è anche rappresentata dal fatto di aver potuto regalare proprio al mio maestro una grande gioia. È bello vederlo orgoglioso dei miei risultati. Anche in palestra abbiamo festeggiato la medaglia d’oro, con un po’ di torta e spumante; dopotutto per me la palestra è come una seconda casa: nel pugilato difatti riesco a trovare conforto, protezione e tanta grinta”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!