Nuovo look per alcuni comuni del Gal Serre Salentine

Racale. Sono stati finanziati due bandi per la tutela e riqualificazione del patrimonio storico e culturale

Racale. Alcuni centri salentini si rifaranno il look. Infatti, il Gal “Serre Salentine” ha finanziato due interventi di per tutela e riqualificazione del patrimonio storico, culturale e architettonico. In particolare nel Comune di Alliste, è stato finanziato il lavoro di restauro e di risanamento conservativo del Frantoio Ipogeo, in via Immacolata nella frazione di Felline, per un importo di 57.670,56 euro; il restauro conservativo di un manufatto storico denominato “Caseddho”, in località Sinpanò, è stato finanziato con 14.469,83 euro; il restauro del fabbricato denominato “Masseria Nucita” per un contributo pubblico pari a 22.605,01 euro. Nel Comune di Galatone si procede al restauro, al risanamento conservativo, alla valorizzazione e alla fruizione del Frantoio Ipogeo di Largo San Sebastiano, avendo avuto un finanziamento di 38.053,72 euro. Il Comune di Neviano, punta invece alla manutenzione straordinaria dell’area di pertinenza del complesso rurale dell’ex Abbazia di San Nicola di Macugno, a sud dell’abitato, con un contributo pari a 28.211,27 euro. Nel Comune di Tuglie, con 57.670,56 euro, è previsto il restauro di una porzione del Palazzo Ducale, sito in via Venturi, dell’Azienda Agricola Bernardi Giuseppe. Per la chiesa di Santa Marina, nel Comune di Taviano, è prevista una manutenzione straordinaria con il risanamento conservativo e l’adeguamento igienico-sanitario per un contributo pubblico pari a 26.726,81 euro. Tutto questo grazie al bando pubblico sulla Misura 323 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” – Azione 1, che ha finanziato questi sette interventi di restauro e di valorizzazione del patrimonio culturale territoriale. Soddisfazione è stata espressa dal Presidente del Gruppo di Azione Locale, Salvatore D’Argento: “Ora, il nostro impegno, ha detto, è quello di far rientrare i beni finanziati, in un sistema integrato di promozione che possa creare non solo un’offerta turistico-culturale di qualità, ma anche capace di porre le condizioni affinché lo sviluppo che ne derivi sia capace di produrre opportunità lavorative sul territorio. Dopo il finanziamento e il recupero dei beni, ora bisogna attuare una strategia di promozione e di utilizzazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!