La Regione Puglia al 5° European Innovation Summit

Bruxelles. La Regione sarà presente al convegno dedicato a temi di ricerca e innovazione a Bruxelles, la delegazione sarà guidata dall’assessore Loredana Capone

Bruxelles. L’innovazione pugliese arriva Bruxelles. Tutto questo in occasione del 5° European Innovation Summit, evento dedicato ai temi della ricerca e innovazione in ambito europeo, organizzato dalla Piattaforma europea K4I, knowledge for innovation e in programma dal 30 settembre al 2 ottobre 2013 al Parlamento Europeo. La delegazione pugliese sarà guidata dall'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Loredana Capone, che spiega: “Il fatto che l'Europa voglia ascoltare la Puglia quale esempio di Regione che ha saputo trasformare i propri investimenti sull'innovazione in motore attivo di sviluppo economico è un onore ma anche un'opportunità. L'European Summit Innovation individuerà i meccanismi che l'Europa deve ancora attivare per consentire all'innovazione di entrare a far parte del nostro vissuto quotidiano. Proprio come ha fatto la Puglia che ha inserito nella sua visone di sviluppo quella che è ormai diventata una parola d'ordine: l'innovazione. Per noi, è alla base di ogni politica che mettiamo in campo per il cambiamento, dalla sanità all'agricoltura, dal turismo all'industria”. “L'innovazione – ribadisce l'assessore – fa parte del nostro modo di amministrare e i risultati ci danno ragione. Gli ultimi dati diffusi da Senaf su base Uibm (Ufficio italiano brevetti e marchi) dicono che, da gennaio ad agosto 2013, sono state 127 le invenzioni e 1.394 i marchi che i cittadini pugliesi hanno presentato alle Camere di commercio italiane, con un incremento, rispetto al 2012, del 21% sul fronte delle invenzioni e del 10% su quello dei marchi”. L'European Innovation Summit rappresenta uno dei più importanti momenti di confronto a Bruxelles tra decisori pubblici europei, governi nazionali-regionali-locali, attori del mondo produttivo ed economico per individuare strategie e piani da portare avanti attraverso le direttive europee.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!