Il WWF Puglia contro le esercitazioni a Torre Veneri

Torre Veneri va salvaguardata, continua la battaglia lanciata da Lecce Bene Comune contro le esercitazioni militari nella zona, alla battaglia aderisce anche il WWF

Lecce. Il WWF accanto a Lecce Bene Comune nella battaglia contro i rifiuti militari di Torre Veneri. L’area alle porte di Lecce viene utilizzata diverse volte all’anno per delle esercitazioni militari. “Questo straordinario patrimonio, scrivono in una nota, di biodiversità rischia di restare sepolto da tonnellate di rifiuti bellici, abbandonati sia a terra che in mare durante le attività di addestramento militare, che mal si conciliano con gli obiettivi di conservazione previsti nel Regolamento del SIC approvato dalla Regione Puglia. Un problema la cui soluzione non è più rimandabile, essendo ormai una seria minaccia per l’uomo e per l’integrità ambientale in quanto, nel corso degli anni, non è stato avviato alcun intervento di bonifica”. Torre Veneri è, infatti, un’area di sosta e di nidificazione per l’avifauna acquatica, caratterizzata da stagni temporanei mediterranei, praterie di Posidonia oceanica e steppe salate, ovvero habitat definiti prioritari stabiliti dalla commissione europea e il cui pericolo di estinzione impone delle misure di conservazione particolarmente responsabili. “Per questi motivi il WWF Puglia, concludono, fiducioso nel lavoro che attualmente la Magistratura sta svolgendo nella fase delle indagini per gestione illecita di rifiuti, auspica che si proceda rapidamente con la bonifica a terra e a mare del SIC “Torre Veneri” e venga adottata una risoluzione che fermi definitivamente le esercitazioni militari a fuoco, in quanto incompatibili con il regime di tutela dell’area”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!