Enel mette in guardia dalle truffe

Attenzione alle truffe, Enel ribadisce che nessun incaricato passerà mai da casa per la riscossione delle bollette

Bari. Ancora un appello da parte del gestore dell’energia elettrica sulle continue truffe perpetrate ai danni di ignari cittadini. E’ cronaca dei giorni scorsi, infatti, che dei presunti responsabili Enel abbiano visitato delle abitazioni in tutta la Puglia con la solita scusa della riscossione. Ribadiscono ancora: “Non esistono persone incaricate dall’azienda a riscuotere o restituire somme di denaro a domicilio” spiega Alessandro Zerboni dell’Ufficio stampa di Enel “Questa avvertenza è chiaramente riportata anche sulla busta con la quale viene recapitata la bolletta elettrica, su cui si legge: Attenti alle truffe, non ci sono incaricati Enel che vengono a casa vostra per chiedervi il pagamento della bolletta”. Bisogna sempre ricordare che se qualcuno si presenta a casa dei clienti Enel per richiedere soldi è un truffatore: va denunciato subito alla Polizia (tel. 113) o ai Carabinieri (112). Qualsiasi pagamento dovuto a Enel va effettuato sempre e soltanto secondo i canali conosciuti: on-line con carta di credito, addebito su conto corrente bancario,sportelli bancomat abilitati, sportelli e uffici postali, addebito su conto corrente postale, sportelli bancari convenzionati ma anche bar e tabaccherie collegati alla rete Lottomatica Servizi e Sisal. È importante diffidare sempre di coloro i quali, spacciandosi per dipendenti Enel, informano di essere a casa dei cittadini per restituire somme pagate in più su bollette precedenti. “Ogni variazione o recupero su consumi precedenti viene infatti effettuata sempre in bolletta” avvisa Zerboni “a meno che non si è invitati per iscritto a recarsi al Punto Enel di zona”. Zerboni invita a tenere sempre a portata di mano il numero telefonico gratuito di Enel Servizio Elettrico 800 900 800 (notizie sulle bollette) o Enel Energia 800 900 860 e, per i guasti, il numero 803 500. Nei casi dubbi o se si è in difficoltà è buona norma telefonare subito al 113 o al 112 per chiedere aiuto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!