Li Ucci Festival di Cutrofiano vince il Mei

Antonio Melegari, direttore artistico del festival, ritirerà il premio come Miglior Festival di Musica Popolare nell'ambito del MEI 2.0

Sabato prossimo il direttore artistico de “Li Ucci Festival” Antonio Melegari sarà a Faenza per il ritirare il premio come Miglior Festival di Musica Popolare nell'ambito del MEI 2.0, il festival dei festival per i giovani talenti musicali italiani che si svolgerà a Faenza dal 27 al 29 settembre. Premio arrivato a seguito del grande successo delle prime due edizioni de “Li Ucci Festival” che hanno coinvolto migliaia di appassionati provenienti da tutta Italia e da molti paesi europei e a pochi giorni dalla terza edizione che si terrà da mercoledì 2 a sabato 5 ottobre a Cutrofiano, patria del compianto cantastorie Uccio Aloisi. “Nonostante il nostro festival sia solo alla terza edizione”, sottolinea Melegari, “siamo molto soddisfatti che una giuria così qualificata si sia accorta del nostro lavoro e della nostra proposta artistica. Sin dalla prima edizione, abbiamo voluto ricordare questi straordinari interpreti della nostra tradizione musicale, non solo attraverso concerti ma con una quattro giorni di convegni, workshop, mostre, estemporanee di pittura, presentazioni di libri e (novità di quest'anno) anche con un bike tour nelle campagne di Cutrofiano”. Un modo intenso e coinvolgente per ricordare i cantori dello storico gruppo salentino, custode delle tradizioni popolari degli “stornelli”, dei canti d'amore e di lavoro, spesso improvvisati al ritmo del tamburello. Uccio Bandello, Uccio Aloisi e Narduccio Vergaro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!