La Regione chiede sanzioni per il vino Mafiozo

Fabrizio Nardoni ha scritto all’ambasciatore italiano in Svezia sulla vicenda chiedendo chiarimenti

Bari. Sul vino mafiozo a chiedere sanzioni ora è la Regione Puglia. La vicenda dello sprovveduto amministratore scandinavo che aveva ribattezzato un vino salentino come Mafiozo con tanto di etichetta con Lucky Luciano, a scoprire la spiacevole trovata un ricercatore italiano che aveva fermamente protestato con l’azienda tramite e mail, arrivato in Italia ha reso pubblico l’accaduto. Bisogna dire, per amore di cronaca, che il povero responsabile nei giorni scorsi si è pure scusato, dicendo che non voleva creare un simile polverone. In realtà i guai per lui non sono finiti, perché la vicenda è arrivata sui tavoli della Regione Puglia all’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni, che ha scritto a sua volta all'ambasciatore italiano in Svezia Elena Basile, dicendo: “mentre la Puglia chiede e ottiene il riconoscimento internazionale dei suoi prodotti di qualità (vedi il marchio prodotti di qualità Puglia – marchio di qualità collettivo comunitario con indicazione di origine che garantisce la qualità e l'origine del prodotto – ndr) c'è chi pensa ancora – spiega l'assessore regionale – di poter sfruttare il Puglia sounding e più in generale il riferimento all'Italia del malaffare per farsi un pò di volgare pubblicità ai danni di un comparto che invece da tempo è sinonimo di grande correttezza, sviluppo e modernità”. “Un fatto increscioso – si legge nella nota della Regione – al vaglio già da alcuni giorni del Ministero e ora posto all'attenzione dell'ambasciatore d'Italia in Svezia. Ho ritenuto opportuno – aggiunge Nardoni – avvertire il nostro ministro plenipotenziario in Svezia perché questa operazione di marketing di bassa lega ferisce più di una volta il comparto vitivinicolo italiano e salentino in particolare. E non è solo l'accostamento inaccettabile e deplorevole di personaggi e fenomeni criminali alle produzioni nazionali di qualità ad offenderci – scrive Nardoni – ma anche l'ennesimo svilente episodio di agro pirateria compiuto ai danni di una filiera produttiva, quella enologica, per la quale l'Italia e la Puglia lavorano da anni in nome della qualità, della sicurezza e della tracciabilità”. Secondo L’assessore questa iniziativa ha danneggiato notevolmente il sistema produttivo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!