Paride De Masi indagato. I passaggi dell'ordinanza

Tra gli indagati a piede libero dell’operazione “Black out” spunta il nome del casaranese Paride De Masi

Brindisi. La presunta truffa smantellata da un gruppo investigativo interforze toccherebbe anche il Salento visto che tra gli indagati risulterebbe anche l’imprenditore Casaranese Paride De Masi. La vicenda lo vedrebbe coinvolto nella parte iniziale dell’operazione “Black out” della Procura brindisina. La Procura qualche giorno fa ha smantellato una serie di aziende che stavano cercando di gabbare il fisco, incassando i finanziamenti statali. In parte ci sono riusciti, infatti, circa 7 milioni di euro sono volati nei paradisi fiscali, la seconda tranche è stata bloccata dalla Procura scoperchiando così un sistema lucroso e illecito ai danni della collettività . In merito all’imprenditore casaranese si legge nell’ordinanza della Procura che “l’azienda Apulia Renowable Energy srl (già Italgest Photovoltaic Srl) per un impianto ubicato a Francavilla Fontana nell’ambito della stessa indagine erano già state, di conseguenza, rilevate in maniera fondata ipotesi di “indebita percezione di erogazione in danno allo stato”. Di fatto Italgest Spa ha poi rivenduto le sue quote alla Renowable uscendo definitivamente dall’affare. Altro casaranese indagato a piede libero è poi Danilo Negro, 34enne ingegnere di Gsf.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!