Addio alla pellicola – entro il 31 dicembre i cinema passano al digitale

Nuovo Cinema Paradiso rimarrà solo un ricordo, i cinema si dovranno adeguare alla proiezione digitale, un centinaio di sale rischiano di chiudere

Bari. Entro il 31 dicembre nelle sale si proietterà solo in digitale. Addio, quindi, al nuovo cinema paradiso e alla magia della pellicola analogica. Un bando regionale ha elargito circa 650 mila euro per far adeguare le sale a questa nuova direttiva, all’incirca 24 mila euro a testa per ognuno. Domani sarà resa nota la graduatoria per la seconda tranche per passare definitivamente al digitale con uno stanziamento di circa 1 milione e 300 mila euro, il nodo della questione sta però nel fatto che i gestori dei cinema dovranno prima anticipare le somme e mettersi in regola “Questo perché l’investimento totale per passare il digitale è di 50mila euro, e per avere i finanziamenti della Regione bisogna saldare tutto prima: molti esercenti non sono in grado di anticipare quella cifra”, spiega Santalucia presidente dell’Anec Puglia e Basilicata (Associazione nazionale esercenti cinema). A tutto questo si aggiungono le sale che non sono rientrate in graduatoria, circa un centinaio, che a questo punto rischiano di sparire. L’unica soluzione secondo Santalucia sarebbe almeno di posticipare la data del 31 dicembre, così da dare a tutti il tempo di adeguarsi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!