'In barba' all'arte

Caprarica di Lecce. Inaugurazione della mostra permanente sulle 'lamette da barba' e presentazione del libro 'Pianeta Terra, Ultimo Atto' con Mario Tozzi

Si inaugura oggi alle ore 18:30 a Caprarica di Lecce la mostra permanente “Storia della Lametta da Barba”. La particolare e affascinante raccolta, voluta dall'Amministrazione comunale, è frutto del lavoro e della passione del signor Alfonso Tozzi, uno dei più grandi collezionisti di bustine di lamette da barba antiche, ma anche studioso della loro storia. Alla scomparsa del collezionista la moglie, la signora Ivana Colella, ha raccolto e organizzato tutto il materiale per una bellissima mostra museale sulla storia della lametta da barba che ha voluto donare alla cittadinanza di Caprarica di Lecce e che arricchirà l’offerta culturale dello stesso paese in maniera nuova e originale. La mostra raccoglie pannelli illustrativi, pannelli esplicativi, editoria, bozzetti, foto, libri, reperti, ricordi e testimonianze che raccontano la storia della lametta da barba dalla nascita, iniziata nel 1895, fino ai suoi momenti culminanti in corrispondenza di particolari stagioni dal punto di vista storico, innovativo e produttivo. Il percorso espositivo si articola su oltre 50 pannelli contenenti bustine di lamette, italiane e straniere, che hanno dato un apporto decisivo alla storia di questo particolare oggetto e oltre 20 pannelli con oggettistica pertinente l’argomento e altre esperienze di collezionisti, di cui Alfonso Tozzi ne è stato l’esempio, nonché profondo cultore, conoscitore e scrittore. Sarà presente anche il figlio del sig. Alfonso Tozzi, il Dott. Mario Tozzi, geologo noto conduttore televisivo di “Gaia” su Rai3 e attualmente di “Atlantide” su La7. Mario Tozzi per la rassegna CulturArte presenterà il suo libro “Pianeta Terra, Ultimo Atto” spiegando perché, secondo lui, saranno gli uomini a distruggere la Terra. NOTIZIE SULLA LAMETTA La lametta nacque agli albori del Novecento dall'intuizione di un ignoto rappresentante di tappi, King Campbell Gillette. Il brevetto, della durata di vent'anni, risale infatti al 1902, quando fu fondata a Boston la Safety Razor & Co, il cui successo, dopo un inizio stentato, fu talmente travolgente da non dover cedere il primato. La lametta non è molto cambiata nel tempo. Anche i diversivi, come gli esemplari a croce di Malta con quattro fili, che si risolsero in un fiasco perchè necessitavano di un apposito rasoio, non rappresentano che lievi variazioni sul tema. Certamente non sufficienti a giustificare raccolte di migliaia di pezzi. A interessare il collezionista non è quindi la lametta vera e propria ma la bustina, che anzi dev'essere conservata rigorosamente vuota per non essere danneggiata da processi di ossidazione. Sfogliando i raccoglitori, comuni album per diapositive, appaiono, fra rime stentate di improvvisati poeti, serie tematiche di vario tipo, prodotte in particolare fra la metà degli anni venti del novecento e gli inizi degli anni sessanta, quando il boom dei rasoi elettrici e di quelli “usa e getta” provocò il tramonto della lametta. Animali, personaggi storici, mezzi di trasporto, messaggi pubblicitari per medicinali, liquori o cosmetici ma anche per sigarette e persino preservativi. Insomma, una vera e propria storia del costume. Numerose sono le lamette sportive, ricordo dei principali eventi del ciclismo oppure relative alle differenti squadre di calcio. Rara (e cara) quella della A.S. Roma del 1942, anno del primo scudetto. Bustine legate alle mode dunque, ma anche protagoniste di eventi storici, pronte a lanciare slogan agli italiani o ad assumere nomi di armi da guerra. Nel 1946 la povera lametta che, ignara apologeta del fascismo, si era trovata in “camicia nera” ad affermare “Lama Dux,,, dux l'ama”, si prese la rivincita sventolando una bandiera rossa “che trionferà”, secondo la fabbrica produttrice dall'altisonante nome URSS, che però è soltanto l'acronimo di Utensili Rasoio Speciali Saponi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!