Rapina a mano armata, arrestato ‘Panna e fragola’

 

Lecce. Era sfuggito all’arresto nell’abito dell’operazione Network. Poi arrestato, ora nuova ordinanza di custodia cautelare in carcre per rapina a mano armata

Stamane la Squadra mobile di Lecce ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere contro Daniele De Matteis, detto ‘Panna e fragola’, emessa dal giudice per le indagini preliminari Annalisa De Benedictis. De Matteis dopo circa tre mesi di latitanza, era stato catturato dagli uomini della Squadra Mobile il 20 maggio scorso nel comune di Surbo, in quanto sfuggito all’esecuzione della misura cautelare in carcere emessa nell’ambito dell’operazione “ Network”. De Matteis è accusato di rapina a mano armata commessa in viale della Libertà il 22 aprile scorso- e quindi durante il periodo di latitanza- nei confronti di un ignaro cittadino che aveva appena finito di fare la spesa, a cui aveva intimato di scendere dalla propria auto, un Fiat Doblò, colpendolo con il calcio di una pistola sul braccio e sferrandogli uno schiaffo sul viso. Poco dopo aveva incendiato l’autovettura distruggendo tracce e segni. Dopo aver picchiato l’incolpevole vittima con il calcio della pistola per appropriarsi della sua auto, De Matteis era fuggito verso San Cataldo dove poco dopo aveva bruciato il mezzo . Le descrizioni fornite da alcuni testimoni ed alcuni riscontri in possesso degli investigatori hanno consentito di delineare un quadro indiziario grave che ha permesso alla pm LICCI di richiedere l’emissione di una misura cautelare grave quale è la custodia in carcere. L’uomo è difeso dall’Avvocato Pantaleo Cannoletta del Foro di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!