In preda all’alcol, aggrediscono carabiniere. In arresto

Tricase. Il militare, sceso in strada per soccorrere i giovani dopo un incidente, è stato pestato ed ha riportato la perforazione del timpano

TRICASE – Violenza, minaccia e lesioni a un pubblico ufficiale in concorso. Di questo rispondono i tre giovani arrestati ieri sera durante i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio. I tre, Mauro De Mitri, 33 anni, Fiore Sabato, 23 anni, e Francesco Vito Zippo, 22 anni, si sono scagliati contro un poliziotto perforandogli un timpano.

Mauro De Mitri

Mauro De Mitri

Fiore Sabato

Fiore Sabato

Francesco Vito Zippo

Francesco Vito Zippo E’ l’epilogo di una serata scandita dall’abuso d’alcol. I tre stavano scorazzando su uno scooter in maniera molesta, tanto da infastidire i presenti, che infatti più volte si erano lamentati chiedendo ai giovani di smetterla. Loro, in tutta risposta, avevano rincarato la dose. A quel punto, il gran vociare ha incuriosito un carabiniere non in servizio che, affacciatosi al balcone, ha potuto osservare tutta la scena. Anche la caduta di Zippo e Di Mitri dal motorino. Sceso in strada per sincerarsi delle loro condizioni di salute, il militare s’è invece visto i tre addosso, che prima hanno inveito contro di lui e poi hanno iniziato a colpirlo con calci e pugni. Nel frattempo sul posto sono giunti i colleghi del carabiniere; alla loro vista, i giovani aggressori si sono dati alla fuga, mentre Zippo è stato bloccato e condotto in caserma. La vittima dell’aggressione, invece, al Pronto soccorso dell’ospedale di Tricase. Nel frattempo, De Mitri e Sabato, che in un primo tempo erano fuggiti, sono ritornati sul luogo dell’aggressione rivendicando la paternità dell’accaduto. Sono stati condotto anche loro, quindi, in caserma. E da lì presso il carcere di Borgo San Nicola a Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!