Movida, le regole ci sono. Leccentro: ‘Si rispettino’

Lecce. I cittadini residenti nel centro storico a “lezione di diritto” dal dirigente dell’Ufficio Ambiente Fernando Bonocuore

LECCE – Mentre in Confcommercio si teneva la riunione fra commercianti e amministratori comunali per discutere di sanzioni e revisione delle ordinanze, la mattina di martedì 11 giugno i rappresentanti del comitato dei cittadini residenti nel centro storico di Lecce (Leccentro) erano in via Lombardia a colloquio con il dirigente responsabile dell'Ufficio Ambiente Fernando Bonocuore. L'argomento? La normativa attualmente vigente in materia di inquinamento acustico, rappresentata essenzialmente dalla legge 447 del 1997 e dalla ordinanza n. 261 del 25 luglio 2000. Il piano acustico di Lecce è del 1997 ma è scaduto e andrebbe aggiornato, il che non è possibile per questioni di bilancio. Le autorizzazioni alla emissione di musica sono vincolate all’esibizione da parte dell’emettitore di una foto delle apparecchiature. Le valutazioni fonometriche decideranno quale cifra imporre in caso di impianti digitali o imporranno un perno o un segno distintivo in caso di impianti con manopola del volume. Il limite massimo di decibel consentiti è 60 a porte chiuse. Possono essere richieste deroghe ma per casi eccezionali, come ad esempio la Notte Bianca. In caso di violazione tutto ricomincia da capo. La normativa quindi esiste. E chi deve farla rispettare in fase di progettazione c’è. Una domanda, tuttavia, sorge spontanea sulle bocche degli esponenti del comitato: chi sanziona chi non sanziona? “Rivolgiamo la domanda – dicono – a tutte le istituzioni con le quali siamo entrati finora in dialogo. E con le quali terremmo volentieri viva la conversazione in maniera biunivoca. Eventualmente partecipando, come parte interessata, a tavoli di discussione non tecnici sui temi dell'inquinamento acustico e della salute pubblica legata alla gestione della movida”. “La soluzione di agire ‘caso per caso’ di cui si è parlato anche durante la riunione in Confcommercio – aggiungono -, è la stessa necessità che si era palesata nel corso della riunione del 7 giugno con il Sindaco Paolo Perrone. Su questo tema ci terremmo a sottolineare che non al ruolo di vigilantes o delatori vorremmo essere relegati, ma di segnalatori di quelle situazioni che ‘tracimano’. E, vorremmo aggiungere, attirano fenomeni che diventano di ordine pubblico: dai fuochi di artificio di piazzetta Santa Chiara o via Ascanio Grandi, agli intransitabili ‘vicoli ghetto’ dello sballo e dell’urina; ma anche agli assembramenti rumorosi (vicini o lontani dagli esercizi pubblici che siano) e che comunque rientrano fra le infrazioni delle norme relative all'inquinamento acustico (in particolare l’art. 659 del Codice Penale) e sono pertanto sanzionabili”. “Le nostre domande vertevano sulla giurisprudenza, ma nel corso della conversazione abbiamo compreso una volta di più che il problema vero riguarda il controllo su chi deve fare rispettare la legge. È di importanza fondamentale che chi eleva verbali contesti in maniera puntuale le violazioni, poiché la minima disattenzione, certamente in buona fede, come in un caso recente, rischia di rendere o l’intervento. E questo non aiuta. E non è neanche accettabile che una sola ed unica pattuglia dei vigili urbani sia disponibile in orario movida, così come il fatto di doversi rivolgere quasi quotidianamente alle forze dell'ordine. Le stesse dovrebbero vigilare e non essere richiamate alla vigilanza. Eventualmente con servizi in borghese, come sensatamente, ci pare, suggerisce l’architetto Bonocuore”. La conclusione cui il Comitato giunge è che, in presenza di norme, il focus della questione riguarda il “farle rispettare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!