Vela: I° Trofeo 800 Martiri

Otranto. La Lega navale ha ideato una manifestazione dedicata alla recentissima canonizzazione dei Martiri. Partenza da Corfù il 15 giugno

Si apre una nuova manifestazione velica nel basso Adriatico. Nasce da un'idea della Lega Navale Italiana, sezione di Otranto, in collaborazione con la Federazione Italiana Vela VIII zona, una competizione tra diverse categorie di barche a vela che assegnerà il primo “Trofeo 800 Martiri di Otranto”. La manifestazione si aprirà il 15 giugno con la partenza da Corfù (Cassiopi) e l'arrivo nelle acque antistanti il porto di Otranto. “E' un onore per la Lega Navale essere promotrice di belle iniziative come questa” dichiara Walter Melissano, presidente della sezione di Otranto, che ha ricevuto l'appoggio del vescovado e la fattiva collaborazione del comune, oltre al patrocinio di Provincia, Camera di Commercio, Assonautica nazionale, regionale e provinciale. “Dedicare la manifestazione agli 800 Martiri è stato un dovere morale” -continua il presidente- “dato che anche la curia romana, con la conclusione del processo di santificazione, ne ha riconosciuto il profondo spirito di attaccamento, sacrificio e difesa del territorio idruntino”. “Sosteniamo e partecipiamo con piacere ad un'iniziativa che rappresenta per noi anche un motivo di orgoglio, dato che segna un ritorno alla collaborazione tra Lega Navale e FIV – ha dichiarato Alberto La Tegola, Presidente della Federazione Italiana Vela VIII Zona – Tutto ciò è un ulteriore rilancio di questo bellissimo sport, e data la rilevanza della rotta e la posizione di Otranto nel mar Mediterraneo, auspichiamo davvero una grande partecipazione”. Anche Paolo Montefusco, velista professionista e timoniere di Idrusa, concorda sull'importanza della tratta: “finalmente si apre una nuova competizione velica su una rotta turistica e commerciale strategica per il basso Adriatico” dice lo sportivo, che ci spiega “una gara come questa è interessante sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista della navigazione: ci vogliono impegno e preparazione di alto profilo, data anche la media percorrenza. Sarò sempre disposto a collaborare con l'organizzazione di quest'evento affinchè si consolidi nel tempo e acquisisca rilevanza internazionale”. La partenza avverrà con una forbice tra la mattina e il primo pomeriggio. Gli orari saranno inseriti nelle istruzioni di regata. La manifestazione si concluderà il 16 giugno con la premiazione delle diverse categorie di barche, con ora e luogo ancora da definirsi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!