I comitati a Barbanente: ‘Salviamo il creato’

Galatina. Oggi l’incontro tra ambientalisti e vicepresidente della Puglia. A cui verrà presentata la lista di beni ambientali e culturali salentini in pericolo

GALATINA – Si sono dati appuntamento a Galatina, stasera alle 18, presso Palazzo della Cultura. E lì convergeranno in tanti, stando alla massiccia diffusione che l’appuntamento sta avendo sui social network. L’occasione è l’incontro organizzato dai comitati civico-ambientalisti impegnati nella difesa del territorio con la vicepresidente della Regione Puglia Angela Barbanente, assessora alla Qualità del Territorio. A lei i cittadini chiederanno la fedele applicazione del Piano paesaggistico territoriale regionale (PPTR), recentemente entrato in vigore. I comitati sottoporranno all'attenzione della vicepresidente questioni concrete, particolari e ben georeferenziate, che fanno del Salento, dicono gli stessi ambientalisti, un “campo minato con mine azionate a distanza dall'interno dei bunker troppo protetti degli uffici tecnici comunali, provinciali e regionali”. Si partirà da Galatina, eletta a città simbolo negativo del consumo di suolo nell'entroterra salentino, in questi giorni alla ribalta della cronaca per il progetto della nuova circonvallazione ovest che, secondo i comitati, costituirebbe una minaccia di lesione grave, per via della sua vicinanza, per la monumentale Quercia Vallonea di San Sebastiano. La questione è stata recente oggetto di una interrogazione parlamentare ai Ministeri per l'Ambiente ai Trasporti, dei Beni Culturali e dell'Agricoltura e Foreste, nella quale si denunciavano mancanze da parte della Regione Puglia che nonostante le molteplici segnalazioni ricevute, anche dall'Orto Botanico dell'Università di Lecce, non l'ha ancora censita e posta sotto tutela. Altra opera oggetto di discussione oggi sarà la strada statale Maglie-Otranto soprattutto nel tratto Palmariggi-Giurdignano-Otranto dove a rischio sarebbero migliaia di ulivi ed interi siti archeologici come il sito rupestre con grotte e trulli di Craunuse – San Basilio. Altre situazioni di emergenza da portare all’attenzione di Barbanente saranno la Regionale 8 e la nuova strada statale 275 Maglie-Leuca, progettate, dicono gli ambientalisti, in totale difformità rispetto a quel concetto virtuoso e ben preciso di “strada parco” che il territorio chiede e la politica del cemento strumentalizza. Ma la lista si allunga a dismisura e tocca il “caso” dello storico muro di cinta di Masseria Grande in agro di Collepasso, nel Parco dei Paduli: “un muro bene culturale – si legge in una nota dei comitati – sventrato, senza pietà, per realizzare una maxi rotatoria stradale provinciale, e per la quale oggi il Comune chiede, virtuosamente, il ripristino dello stato dei luoghi e la doverosa ricostruzione dell'antico muro dov'era e com'era”. Proprio in merito della massima tutela del Parco dei Paduli-Foresta Belvedere, che si estende nel cuore del Salento a Sud di Galatina, i comitati civici territoriali non mancheranno di sottoporre alla vicepresidente regionale la “gravissima questione del caso-scandalo del tentativo di cementificazione-lottizzazione di contrada Franite a Maglie, proprio una delle porte del Parco dei Paduli. Per la salvezza della bellissima contrada – dicono -, cartolina riconosciuta da tutti della città, Maglie, e tutto l'hinterland, vivono da mesi una situazione di emergenza e mobilitazione civica con raccolta di centinaia di firme, sit-in ed eventi di ogni tipo, che confluiranno proprio verso l'assessore Barbanente, nelle cui mani è oggi la salvezza di questo luogo; a lei sta oggi il potere democratico conferitole da noi tutti di fermare la volgare lottizzazione a ridosso del simbolico viale dei monumentali pini italici delle Franite, e progettata follemente al posto della ricca macchia mediterranea e del mosaico dei segni della civiltà contadina. A lei si chiede di proteggere l'intera contrada con l'istituzione di un eco-museo del paesaggio e del ‘parco letterario’, fonte ispiratrice di poesie dei poeti magliesi”. Ecco il programma dell'incontro C'è il Creato da difendere Beni Comuni, Salute, Paesaggio e Ambiente di Galatina e del Salento Incontro pubblico tavola rotonda cittadina aperta sull'adozione del nuovo Piano Paesaggistico Territoriale Regionale prospettive di tutela e rilancio virtuoso del territorio di Galatina e aree limitrofe con interventi aperti a Cittadini, Associazioni, Comitati e Gruppi civici su problematiche attualmente presenti sul territorio e proposte operative di salvaguardia dei Beni Comuni e delle economie virtuose locali. Relatori: Angela Barbanente, vice-presidnete e assessora alla Qualità del Territorio Regione Puglia Cosimo Montagna, sindaco di Galatina modera Tiziana Colluto,giornalista Programma: Introduzione e apertura dei lavori Intervento Angela Barbanente presentazione PPTR Regione Puglia: “PPTR un piano di avanguardia a tutela del patrimonio territoriale e paesaggistico regionale e strumento di sviluppo oculato e virtuoso” Interventi e contributi da cittadini, esperti e rappresentanti di associazioni Conclusioni da parte del sindaco Cosimo Montagna Durante l'incontro saranno consegnate le relazioni e i dossier da parte di cittadini e referenti di associazioni sulle principali emergenze territoriali e proposte di intervento a salvaguardia e tutela del territorio di Galatina e del Salento. Associazioni proponenti: Tribunale Diritti del Malato e CittadinanzAttiva Galatina, Egerthe onlus, APS GioRè, Forum Ambiente e Salute, Coordinamento Civico per la Tutela del Territorio e della Salute del Cittadino

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!