Depuratore di Gallipoli. Amati: ‘Verso la condotta sottomarina’

Bari. La V Commissione regionale oggi ha affrontato il tema depuratori. Il consigliere invita la Regione a scegliere in fretta l’opzione per la Città Bella

BARI – Sembra avviarsi a conclusione la questione relativa al depuratore di Gallipoli. Oggi la V Commissione regionale ha affrontato proprio il problema dei depuratori e, al termine della seduta, il consigliere Fabiano Amati, nel sollecitare la Regione a prendere una decisione definitiva sull’argomento, ha fatto intendere come l’opzione più adatta per evitare di sottrarre alla balneazione circa 1 kilometro di costa sia quella della condotta sottomarina. “La questione del depuratore di Gallipoli e della condotta sottomarina – ha detto Amati – appartiene alla valutazione costi-benifici che il Governo regionale si è impegnato ad eseguire a breve per poi formulare la proposta definitiva. È chiaro che – ha aggiunto – qualora la scelta del Governo regionale dovesse incrociare la condotta sottomarina, accogliendo le indicazioni del Comune di Gallipoli e confermando un impegno già assunto dinanzi al Consiglio comunale nella scorsa estate, il procedimento amministrativo dovrà ottenere la modifica del Piano di Tutela delle Acque, da sottoporre al Consiglio regionale per la ratifica”. La condotta sottomarina, tra l’altro, non dovrebbe comportare particolari difficoltà realizzative, perché l’impianto presenta condizioni di costante e progressiva efficienza tecnologica, già riconosciuta dall’Arpa. “Se oggi siamo in grado di discutere il problema con particolare fluidità – ha commentato Amati – è perché in passato è stato avviato per quell’impianto anche il modulo di affinamento delle acque, che ad oggi funziona sia pur a regime dimezzato”. Articoli correlati: Depuratore di Gallipoli. Negro: ‘Audizione in Commissione' Depuratore Gallipoli. Galati: ‘Serve concretezza' Depuratore di Gallipoli. ‘Scarico sotto costa' Depuratore. Errico: ‘Nel prossimo odg regionale' Depuratore. Il centrodestra: ‘Basta sversare in mare'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!