Baldassarre: ‘Riflettiamo sulla sconfitta’

Complice l’astensionismo il Pdl ha riportato una sonora sconfitta ai ballottaggi amministrativi. L’eurodeputato analizza i risultati

“E’ doveroso prendere atto, con serietà e senso di responsabilità, di una sconfitta evidente alle Amministrative comunali”. L’eurodeputato Raffaele Baldassarre (Pdl) ammette la sconfitta riportata dalla coalizione di centrodestra al ballottaggi delle Amministrative. Baldassarre invita tutti, dopo aver preso atto della sconfitta, ad interrogarsi sui motivi che l’hanno determinata. “In Puglia – dice – l’esito del voto appare davvero singolare. In alcune realtà è stato ribaltato, quasi inspiegabilmente, il verdetto del primo turno. Nettamente in vantaggio al primo turno i candidati del centrodestra perdono al ballottaggio. La spiegazione è che evidentemente gli elettori non sono tornati a votare e in un clima di astensione crescente dal voto diventano difficilissime e ardue le analisi politiche. Non basta a spiegare il cattivo risultato l’assenza dei leaders o dello stesso Berlusconi. Tranne che non si voglia candidare il presidente Berlusconi in ogni Comune italiano la strada della riflessione è un’altra e non è gratificante consolarsi col fatto che senza Berlusconi si è destinati alla sconfitta, mentre con lui in campo…”. L’eurodeputato spinge dunque il partito a rendersi più autosufficiente dal leader Berlusconi e di dare nuovo risalto alle proprie forze. “Su questo si deve lavorare”. Quanto all’astensionismo, che, secondo Baldassarre sarebbe la principale causa della sconfitta del Pdl, “credo che nessuno possa festeggiare – dichiara – una vittoria che vede la metà dei cittadini assente al momento della decisione. La democrazia funziona quando tutto il popolo governa e non certamente quando la democrazia stessa si auto-dimezza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment