San Gaetano di Thiene ritorna in chiesa

Lecce. Dopo quattro mesi di restauro il dipinto sarà riconsegnato alla città il 14 giugno

(in foto, il dipinto prima del restauro) LECCE – Quattro mesi di restauro e tornerà lì, dove è sempre stata: sul transetto destro della chiesa di Sant’Irene, sull’altare voluto dall’arcivescovo di Otranto, Gaetano Cosso nel 1651, in onore del santo. Tornerà a mostrarsi alla città venerdì 14 giugno alle ore 19 il dipinto di San Gaetano di Thiene, dopo una cerimonia di riconsegna ufficiale all'edificio sacro. L’opera è stata sottoposta ad un rigoroso intervento di restauro promosso dall’Amministrazione comunale, grazie all’impegno ed al finanziamento del Lions Club Lecce Messapia, in collaborazione con la Banca Popolare Pugliese, i quali hanno sostenuto per intero i costi del recupero e della valorizzazione. Il quadro del sec. XVII, raffigurante San Gaetano, fondatore dell’Ordine dei Chierici regolari Teatini, è attribuito a Filippo Maria Galletti, pittore di derivazione giordanesca e solimenesca. Gli interventi sono stati curati dalla restauratrice Adriana Falco, diretta dalla Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Puglia e in collaborazione con l’Amministrazione comunale e la Curia Arcivescovile di Lecce. Alla cerimonia prenderanno parte l’arcivescovo di Lecce, Domenico D’Ambrosio, l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Lecce, Gaetano Messuti, il presidente del Lions Club Lecce Messapia, Massimiliano Petrachi e lo storico dell’arte Antonio Cassiano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!