Cinque colpi, un avvertimento

Gemini. Cinque colpi di pistola sulla fiancata del camion della ditta Pippi trasporti di Silvio Orsini. Proprio in corrispondenza del giaciglio notturno del conducente

GEMINI – Cinque colpi di arma da fuoco, presumibilmente una pistola, esplosi nella notte sulla fiancata del camion della ditta “Pippi trasporti” di Gemini, parcheggiato come al solito, per la notte, nel deposito di proprietà. Ciò che ha inquietato maggiormente il titolare, Silvio Orsini, è che i colpi sono stati mirati, tutti e cinque, in corrispondenza del punto in cui, all’interno, si trova la branda dove di consueto passa la notte i camionisti: la Pippi trasporti conta cinque addetti in tutto, compreso il titolare. Per fortuna il piccolo giaciglio predisposto in tutti i camion proprio per consentire il riposo dei guidatori, era vuoto. E non c’è stata la tragedia. Ma è proprio questo che ha allarmato Orsini: “Non mi spiego perché l’abbiano fatto e quale possa essere stato il messaggio. Uno di noi si sarebbe potuto trovare lì a dormire, come accade spesso. Ma per fortuna non c’era nessuno. Ma chi voleva ucciderci? Oppure quale messaggio volevano inviarci? Io non ho mai avuto problemi né ho mai dato problemi. Certo, ha detto, il parente di uno storico boss della Scu ha provato a farsi forza, nei miei confronti, proprio vantando la sua parentela, chiedendomi lavoro e cercando di farsi dare più del dovuto. Ma poi è sparito e non s’è più fatto vedere. Non vorrei che fosse questo il motivo dell’avvertimento”. Silvio Orsini ha sporto regolare denuncia, aggiungendo anche al verbale l’episodio delle minacce del parente del boss.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!