Fare impresa a Lecce. Come nella Silicon valley

Lecce. Passa da Lecce il “Mtb job creator tour 2013”. Tempo fino al 9 giugno, per presentare un progetto alla fondazione californiana “Mind the Bridge”

LECCE – Fare impresa seguendo il modello della Silicon Valley. Il Salento ci prova con una giornata di studio organizzata dalla fondazione californiana, la Mind the Bridge (Mtb), in partnership con la Camera di Commercio di Lecce. L’appuntamento con la tappa leccese del “Job Creator Tour 2013” è fissato per il 14 giugno alle Officine Cantelmo (dalle 9 alle 18). Per iscriversi e per inviare i propri progetti di impresa a Mtb, c’è tempo fino al 9 giugno. Basta collegarsi alla piattaforma digitale http://www.f6s.com, registrarsi e compilare l’application form. In questo modo sarà possibile candidare il proprio progetto alla discussione del 14 giugno (durante la Gym Session del pomeriggio) e presentarlo di fronte ad investitori e imprenditori. Le migliori business-idea vinceranno una borsa di studio per partecipare alla Mtb Startup School, la scuola per imprenditori della durata di 3 settimane che la fondazione organizza a San Francisco. L’evento promosso da Mtb e Camera di Commercio (che poi farà tappa a Napoli e Cagliari) si rivolge a studenti, ricercatori, aspiranti imprenditori, startupper e tutti coloro che sono interessati a fare impresa e a comprendere i segreti della Silicon Valley, ecosistema all'avanguardia riconosciuto a livello mondiale per innovazione ed imprenditorialità. Durante la giornata è previsto un momento formativo su aspetti e procedure per l'implementazione di una start-up di impresa, con una particolare attenzione agli approfondimenti pratici su alcuni casi di successo. Nel pomeriggio largo alla Gym Session, con la valutazione delle migliori proposte progettuali inviate dai partecipanti e preselezionate da una giuria di esperti appartenenti a Mind the Bridge. Per ulteriori informazioni, www.mindthebridge.org.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!