Lecce: un recupero coi fiocchi

Chiavari. Gara deludente ma risultato da incorniciare. Nel ritorno del 2 giugno al Via del Mare ai ragazzi di basterà non perdere per passare alla finale dei play off

Il Lecce strappa un importantissimo pareggio nei minuti finali della sfida contro la Virtus Entella al Comunale di Chiavari, nella gara d'andata di semifinale dei play-off di Prima divisione che valgono il salto in serie B. Nel corso di un primo tempo piuttosto scialbo, da segnalare soltanto l'affondo di Bogliacino nel primo minuto di gara (nessuna conseguenza per il portiere avversario) e il gol di Guerra anato per un fuorigioco che francamente non siamo riusciti a rilevare. Al 33’ si infortuna seriamente il giallorosso Tomi, dopo uno scontro di gioco con il suo compagno Esposito. Il giocatore è costretto a lasciare il campo: al suo posto D’Ambrosio. Il secondo tempo ricomincia con i ritmi blandi del primo, fino alla mezz'ora, quando l’Entella si porta in vantaggio con il gol di Garin (il giocatore era entrato tre minuti prima al posto di Cori. L'arbitro concede cinque minuti di recupero e un minuto prima del fischio finale (al 49’), D’Ambrosio segna il gol del pareggio, fissando il risultato sull'1-1. Questo il tabellino della gara: Virtus Entella: Paroni, De Col, Cecchini (34 st Falcier), Volpe, Russo, Cesar, Staiti, Di Tacchio, Cori (21 st Garin), Vannucchi, Guerra (45 st Hamlili). A disp: Conti, Raggio Garibaldi, Ballardini, Argeri. Allenatore: Prina Lecce: Benassi, Diniz, Tomi (34 pt D'Ambrosio), De Rose, Esposito, Martinez, Memushaj, Giacomazzi, Foti (16 st Chiricò), Bogliacino, Pià (31 st Chevanton). A disp: Bleve, Vanin, Zappacosta, Falco. Allenatore: Gustinetti Marcatori: 30 st Garin, 49 st D'Ambrosio

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment