Violenza di genere. Il centro ‘Renata Fonte’ dalla ministra

Roma. All’incontro di oggi, la presidente Toto sottolineerà la necessità di un coordinamento tra le forze impegnate nel contrasto dell’emergenza

ROMA – Raccogliere esperienze, suggerimenti e proposte, che possano apportare un concreto contributo per affrontare un’emergenza, quella della violenza sulle donne, non più procrastinabile. Con questo obiettivo il centro antiviolenza “Renata Fonte” di Lecce, su invito della ministra Josefa Idem, parteciperà all' incontro che si terrà oggi a Roma, presso il Ministero delle Pari Opportunità. I recenti e drammatici episodi di violenza di genere richiedono un intervento coordinato e condiviso che affronti tale tematica in modo organico ed in sinergia con i principali attori rappresentativi a livello nazionale. In particolare, Maria Luisa Toto, la presidente del centro leccese, focalizzerà l’attenzione della ministra e di tutti i professionisti presenti a Roma sul riconoscimento normativo dei centri antiviolenza. Diversi le tematiche da prendere in considerazione: lo stanziamento e dotazione di risorse economiche ai Centri Antiviolenza; gli standard qualitativi dei centri antiviolenza; la formazione degli “addetti ai lavori” (forze dell’ordine, operatori socio-sanitari, servizi sociali e magistratura) da parte delle operatrici dei centri antiviolenza perché solo loro conoscono in profondità il fenomeno, per gli anni di esperienza, competenza e professionalità, sempre in prima linea; il coordinamento tra tutte le forze impegnate nel contrasto della violenza di genere attraverso protocolli d'intesa chiari e precisi; la creazione di una normativa nazionale che affronti concretamente il fenomeno della violenza di genere e per orientamento sessuale e il fenomeno del femminicidio attraverso la stesura di un Piano d’Azione Nazionale. Articoli correlati: Gentile: 'La legge contro il femminicidio, in rete con le associazioni' Donne e abusi. La legge non basta Violenza di genere. Molendini: ‘Più attivi al fianco delle donne' Centro ‘Renata Fonte'. 15 anni al fianco delle donne

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment