Rosati, Puglia leader dei ‘Tranquilli’

Otranto. Alla finale del concorso nazionale, en plein della Puglia sul podio dei ‘Vini rosati tranquilli IGT – IGP’

OTRANTO – Sono 19 i vini premiati del secondo Concorso enologico nazionale dei vini Rosati, promosso dall’assessorato alle Risorse agro-alimentari della Regione Puglia. Nel corso della cerimonia ospitata sabato al Castello Aragonese di Otranto, il giornalista nonché produttore di vini rosati Bruno Vespa, il senatore Dario Stefàno, ideatore dell’iniziativa, e l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Fabrizio Nardoni hanno premiato con medaglie d’oro, d’argento e di bronzo i tre migliori vini (con un ex aequo) di ognuna delle sei categorie previste dal Concorso. 292 in tutto le cantine partecipanti, provenienti da tutte le 20 Regioni per 363 etichette totali. “I riconoscimenti di quest'anno delineano una mappa delle eccellenze italiane e confermano la statura del Premio e la sua serietà – ha spiegato l'assessore Nardoni – trattandosi di riconoscimenti che riconsegnano alla storia e alla tradizione dell'enologia nazionale il giusto ruolo a vini e processi di vinificazione delicati e di pregio”. Con la conduzione di Antonio Stornaiolo e Adua Villa, sommelier Master Class e testimonial del concorso insieme al direttore delle Guide dell’Espresso Enzo Vizzari, la cerimonia ha consacrato i migliori vini Rosati d’Italia; ad aggiudicarsi il primo premio nella categoria ‘Vini rosati tranquilli DOC – DOP’ il ‘Cerasuolo d’Abruzzo DOC “Fantini” 2012’ della Farnese Vini di Ortona (CH), risultato anche il vino col punteggio più alto in assoluto, in pratica la “maglia rosa dei Rosati d’Italia”. Si tratta di un’autorevole conferma per la cantina abruzzese, che l’anno scorso si era classificata seconda nella stessa categoria. Medaglia d’argento all’‘Irpinia DOC rosato 2012’ di Borgodangelo Società agricola di Sant’Angelo all’Esca (AV) e bronzo al ‘Bardolino DOC Chiaretto classico 2012’ della Cantina Caorsa Consorzio Agrario Lombardo Veneto di Affi (VR). Sono tutti pugliesi, invece, i vini che si sono aggiudicati il podio nella categoria ‘Vini rosati tranquilli IGT – IGP’, rimarcando così la stretta relazione tra l’elevata qualità di questi vini e il territorio in cui sono prodotti: medaglia d’oro al ‘Salento IGP rosato “Merula Rosa” 2012’ dell’azienda agricola Carvinea di Carovigno (BR), d’argento al ‘Salento IGP Negramaro Rosato 2012’ della Cantina Società Cooperativa Vecchia Torre di Leverano (LE) e di bronzo al ‘Salento IGT Negramaro Rosè “Rosaro” 2012’ dell’azienda agricola Feudi di Guagnano di Guagnano (LE). L’Emilia Romagna (che in totale conquista cinque medaglie, alle spalle del Veneto che, con sei, è la più “medagliata” tra le Regioni) resta leader indiscussa nella categoria ‘Vini rosati frizzanti DOC –DOP’: “doppietta” della Cantina di Carpi e di Sorbara di Carpi (MO), che ha ottenuto la medaglia d’oro con il ‘Lambrusco di Modena DOC rosato frizzante semisecco “Rosa di primavera” 2012’ e la medaglia d’argento con il ‘Lambrusco di Sorbara DOC rosato frizzante amabile “Allegro” 2012’, quest’ultima ex-aequo con il ‘Lambrusco di Sorbara DOP rosato frizzante secco “Rosa” 2012’ dell’azienda agricola Garuti Elio ed eredi Garuti Romeo di Sorbara (MO). Terzo classificato il ‘Colli di Scandiano e di Canossa DOP Lambrusco rosato frizzante “Rosso Spino” 2012’ della Cantina Sociale Arceto Società Cooperativa di Arceto di Scandiano (RE). D’altra parte, già nel 2012, la cantina di Carpi e Sorbara, con la denominazione Cantina di Sorbara, aveva conquistato argento e bronzo nella stessa categoria. Per la categoria ‘Vini rosati frizzanti IGT – IGP’ hanno raggiunto il podio i vini del Lombardo-Veneto: si è aggiudicato la medaglia d’oro il ‘Provincia di Pavia IGT rosato frizzante dolce “Mosca Rosa” 2011’ di Giorgi Fratelli & C. di Canneto (PV); medaglia d’argento e di bronzo rispettivamente al ‘Delle Venezie IGT rosato frizzante “Tura”’ del Gruppo Italiano Vini – Lamberti di Pastrengo (VR) e al ‘Verona IGP rosato frizzante “Monte Fiaschetto” 2012’ dell’azienda agricola Righetti Enzo di Cavaion Veronese (VR). Conquista la medaglia d’oro nella categoria ‘Vini rosati spumanti DOC – DOP’ il ‘Venezia DOC vino spumante dry rosè “Canal Grando’’della Casa vinicola Bosco Malera di Salgareda (TV); medaglia d’argento al ‘Lambrusco di Sorbara DOP rosato vino spumante di qualità extra dry “Gioia” 2011’ dell’azienda agricola Garuti Elio ed eredi Garuti Romeo di Sorbara (MO), cantina premiata anche nella categoria ‘Vini rosati frizzanti DOC –DOP’, e medaglia di bronzo al ‘Bardolino DOP Chiaretto Vino Spumante Brut 2012’ dell’Azienda agricola Benazzoli Fulvio di Pastrengo (VR). Nella categoria ‘Vini rosati spumanti IGT e VSQ’ ha ottenuto la medaglia d’oro il ‘Manzoni Moscato vino spumante di qualità aromatico dolce 2012’ della cantina Colli Euganei di Vò (PD); medaglia d’argento e di bronzo rispettivamente al ‘Vino spumante di qualità extra dry rosè “Jacarando” 2011’ della San Paolo Azienda agraria di Torrioni (AV) e al ‘Pinot nero rosato vino spumante di qualità extra dry’ dell’azienda vitivinicola Vanzini di Antonio, Michela e Pier Paolo Vanzini di San Damiano al Colle (PV). Il Premio speciale della critica della Regione Puglia e dei suoi partner Assoenologi, Accademia della Vite e del Vino e Unioncamere Puglia costituito da una scultura dell’artista salentino Simone Fersino, è andato all’Azienda agricola Primis di Stornarella (FG) per il ‘Puglia IGT Rosato “Monrose”, vino che ha conseguito il punteggio più alto tra tutti i classificati al quarto posto. Il premio è stato consegnato alla cantina dall’enologo Massimiliano Apollonio, presidente dell’Assoenologi Puglia-Calabria-Basilicata, che ha portato alla manifestazione otrantina il saluto dell’associazione nazionale di categoria dei tecnici vitivinicoli più antica e numerosa al mondo. La manifestazione si è svolta in partenariato con Assoenologi, Accademia Italiana della Vite e del Vino e Unioncamere Puglia ed è stata autorizzata dal Ministero delle Politiche Agricole.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!