Due nuove risonanze magnetiche a Lecce

Lecce. La Commissione dell’Asl ha affidato alla Philips l’appalto per la fornitura delle due macchine al Fazzi e all’Oncologico

LECCE – Entreranno in funzione entro fine settembre le due macchine per la risonanza magnetica di ultima generazione previste all’ospedale oncologico Giovanni Paolo II di Lecce e nel reparto di Neuroradiologia del “Vito Fazzi” di Lecce. L’apposita Commissione nominata dalla Asl di Lecce per l’aggiudicazione dell’appalto ha assegnato la gara all’azienda Philips. “Le due macchine – spiega Fernando Lupo, primario di Neuroradiologia al Fazzi – consentiranno lo studio della dinamica ematica delle perfusioni, che consentono un ulteriore studio morfologico funzionale e l’esame del segmento cardiaco per lo studio del cuore”. Il primario interviene poi sulla questione dei tempi d’attesa per alcune prestazioni. Dopo la polemica scoppiata in seguito alle parole di Piero Quarta Colosso, titolare dell’omonimo studio radiologico, secondo cui le liste d’attesa nella Asl di Lecce si sarebbero ridotte solo perché sempre più cittadini preferiscono rivolgersi al privato, Lupo spiega che il problema può essere superato agendo su due diversi fronti. Da un lato, dice, è necessario intervenire sulle prescrizioni dei medici di medicina generale. Il medico di base, spiega Lupo, “non può prescrivere un esame senza indicare una spiegazione clinica insieme al sospetto diagnostico”. “Discorso diverso – aggiunge – per le neoplasie: in questo caso le liste sono differenti e i tempi d’attesa superano raramente i 20 giorni”. Dall’altro lato, aggiunge Lupo, devono essere istituiti controlli di qualità previsti dalla legge. Spesso, sottolinea il primario, “siamo costretti a ripetere esami perché scadenti ai fini diagnostici”. Infine, Lupo tocca il capitolo “costi”. “I costi per prestazioni fuori da liste d’attesa – dice – sono stati ormai equiparati a quelli del settore privato: 80 euro per una Tac cranica e per il tratto spinale-lombare e 100 euro per la risonanza magnetica all’encefalo”. Articoli correlati: TAR: via libera alla Pet-Tc pubblica Pet: il Tar vuole vederci chiaro Pet: 'il presidente di commissione è incompetente' Pet Tac. Nuova sentenza contro la Regione: ‘Rimborsi i pazienti' La Asl acquista Tac già vecchie

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!