Movida molesta. I cittadini del centro dalla prefetta

Lecce. La situazione denunciata dai residenti nel centro storico leccese sarebbe “insostenibile” La prefetta Perrotta ha invitato a prendere esempiop da Gallipoli

LECCE – “Non potevo non ricevervi a fronte di una richiesta così garbata”. Sono stati accolti con queste parole dalla prefetta Giuliana Perrotta, i cittadini del centro storico di Lecce che hanno depositato nei giorni scorsi un’istanza contro la movida incontrollata e l’inciviltà nella città vecchia. Cuore della denuncia dei residenti una situazione che loro definiscono “insostenibile”, fatta di “danni psico-fisici dovuti alla perdita del sonno e del riposo” e di “stati di stress e disturbi auricolari”. Danni “documentabili” che richiedono risposte concrete da parte delle istituzioni. La movida, ha spiegato la prefetta, è la principale risorsa economica della città e, per questo motivo, i problemi ad essa collegati si presentano di difficile soluzione. Inoltre, sono prioritariamente di competenza del Comune. Giuliana Perrotta è, ad oggi, l’unica rappresentante delle istituzioni ad aver ricevuto i residenti del centro storico di Lecce . E sono ormai passate due settimane dalla data di protocollo dell’istanza fatta pervenire a lei ma anche al sindaco, Paolo Perrone, all’arcivescovo Domenico Umberto D’Ambrosio, al questore Vincenzo Carella, al colonnello Donato Zacheo, comandante della polizia municipale, all’assessore alle Politiche Ambientali di Lecce Andrea Guido. La prefetta ha tuttavia assicurato ai firmatari dell’istanza il massimo impegno a parlare col sindaco dei problemi denunciati dai cittadini. I residenti, nel frattempo, continuano a raccogliere firme e segnalazioni a sostegno della denuncia e intendono appellarsi alla legge sulla trasparenza (Legge 241/90) per avere accesso alle ordinanze comunali e al Piano del Rumore. “Nella situazione di degrado e di inciviltà del centro storico di Lecce intravediamo estremi di violazione della legge: a partire dall’articolo 32 della Costituzione”, spiegano. La prefetta, nell’esprimere apprezzamento per l’“azione civile” di cui si sono fatti promotori, ha chiesto ai firmatari di essere aggiornata sullo sviluppo della situazione, dichiarandosi disponibile a riascoltarli. Li ha infine invitati a guardare come esempio alla città di Gallipoli, dove associazioni di residenti e commercianti sono riusciti nel tempo a trovare un accordo per una buona convivenza che assicuri il rispetto di tutti i diritti e gli interessi coinvolti. “Ed è quello che auspichiamo anche noi – hanno rilanciato i cittadini leccesi -. Un tavolo di lavoro comune, un luogo di confronto tra cittadini, amministrazione, forze dell'ordine e commercianti. È per questo che attendiamo con ansia di incontrare le istituzioni cui ci siamo rivolti e che dovrebbero tutelarci. A partire dal sindaco Paolo Perrone”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!