Chiesa Madre, ok al recupero degli altari

Casarano. La Provincia di Lecce ha approvato l’intervento dando seguito alla convenzione con Arcus

CASARANO – Gli altari della Chiesa Matrice Maria SS. Annunziata di Casarano saranno recuperati e restaurati. La Giunta provinciale ha appena approvato l’intervento sul bene architettonico del centro salentino, dando seguito alla convenzione relativa al “Programma di completamento per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio urbanistico, architettonico e artistico barocco”, sottoscritta da Provincia e da Arcus, la Società per lo sviluppo dell'arte, della cultura e dello spettacolo, lo scorso 14 dicembre. Nello specifico i lavori, per un totale di 100mila euro, riguarderanno il restauro e recupero del Coro ligneo ubicato alle spalle dell’altare maggiore, che si sviluppa sulle pareti perimetrali interne all’abside. La realizzazione del Coro ligneo risale al XVIII secolo, opera dell’intagliatore bavarese Giorgio Auer, cui si deve anche l’artistico coro e il pulpito della Cattedrale di Gallipoli. I lavori si sono resi necessari in quanto la struttura lignea del coro e delle pedane, costituita da legno massello, appare debole ed in più punti anche tarlata. Questo intervento fa seguito a quello precedentemente realizzato, che aveva già riguardato la sistemazione e la messa in sicurezza della parte esterna della Chiesa Matrice. Si tratta di uno degli interventi che interessano il recupero di alcune delle maggiori opere barocche del territorio, con risorse complessive per 1 milione 387.444 euro, che riguardano il territorio di Casarano, Nardò, Gallipoli, Maglie e Copertino. Articoli correlati: Recupero del barocco ed il Salento attrae più turisti Barocco minore. 3 milioni per la valorizzazione Barocco minore. Dieci interventi di recupero

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!