La CRI in Bici

Lecce. Domenica tutti in bicicletta con la Croce rossa italiana

Giornata intensa di attività quella di domenica 12 maggio 2013 per la Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Lecce. Al mattino dalle 10.30 alle 12.00 ed il pomeriggio dalle 17.00 alle 19.00 prende il via anche nella città di Lecce il servizio “La CRI in Bici”, servizio innovativo che è nato in via sperimentale nel 2009 e che oggi risulta consolidato nel panorama delle attività dell’Associazione sul territorio nazionale. Le due biciclette sono state donate dalla ditta cicli e motocicli “Alberto Guido” di Lecce . Le squadre di volontari CRI qualificati ed adeguatamente equipaggiati, presteranno primo soccorso ai cittadini e ai turisti che sono presenti nel periodo estivo nella città barocca, e ove dovesse servire allerteranno gli organi competenti (118), così da avere un triage più accurato e più efficiente. La sera di domenica 12 maggio la compagnia TEATROTERRA MESSAPIA presenta lo spettacolo “Le mattine dieci alle quattro” dell’autore romano Luca De Bei. L’evento è realizzato sotto l’egida della “COMMISSIONE PROVINCIALE PER L’EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE”, con il Patrocinio Morale della Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Lecce, con il Patrocinio della Città di Lecce e con la collaborazione della FISAC/CGIL di Lecce. Il grave disagio provocato dalla mancanza del lavoro o sottopagato, ha ricadute significative nella stessa società, ed in queste situazioni la nostra associazione si trova ad operare, offrendo “come possibile” il proprio contributo di assistenza. Per questo il Comitato provinciale CRI di Lecce ha ritenuto di poter offrire il patrocinio morale per questa manifestazione. Da età antichissima il teatro è mezzo efficace di comunicazione ed è in grado di ben rappresentare i momenti di forte criticità del vissuto comune, consente con una partecipazione condivisa e collettiva momenti di riflessione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment