SP Lecce-Torre Chianca, ‘La riapertura è lontana’

Lecce. All’incontro con il Comitato Pro Torre Chianca l’assessore Messuti ha escluso una imminente riapertura della strada, interessata da lavori di ampliamento

LECCE – La strada provinciale che porta da Lecce a Torre Chianca non potrà essere riaperta al traffico in tempi brevi. Si è concluso con un a di fatto l'incontro tra il Comitato Spontaneo pro Torre Chianca e l'assessore ai lavori pubblici della provincia di Lecce Massimo Como. Alla riunione erano presenti anche tutti i gestori degli stabilimenti balneari delle Marine di Torre Chianca e Spiaggiabella ed i commercianti, oltre all'assessore ai lavori Pubblici Gaetano Messuti e la consigliera Giordana Guerrieri. La strada è attualmente interessata da lavori di allargamento e messa insicurezza. Per questa ragione, ha spiegato Messuti, una sua riapertura al traffico in tempo brevi, è al momento fuori discussione. Il portavoce del Comitato Errico Grasso ha riconosciuto nelle parole dell’assessore grande concretezza e chiarezza. “I lavori sono in corso – ha spiegato riferendo le parole di Messuti – e non è possibile mettere in pericolo la sicurezza dei lavoratori che sarebbe minata dalle autovetture e dai motocicli che percorrono la provinciale”. Tuttavia l'assessore ha promosso un ulteriore incontro in sede istituzionale: una riunione tra tutte le parti chiamate in causa dal problema, il Comitato, la Provincia, il Comune, i vigili urbani e la protezione civile. Saranno tutti a Palazzo dei Celestini il prossimo lunedì per valutare eventuali soluzioni alla riapertura della strada.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!