IL MAIN EVENT DELLA BOXE ENTUSIASMA IL PUBBLICO SALENTINO

Copertino. Andrea Manco ed il “Pitbull” Terranova danno spettacolo sul ring e tornano a vincere

Domenica scorsa Copertino ha ospitato una piacevolissima serata all’insegna della box resa interessante sotto il profilo tecnico dal programma riservato ai pugili dilettanti ed impreziosito anche da un confronto tutto al femminile. L’evento è stato organizzato dalla BeBoxe, diretta dal maestro Francesco Stifani che ha riunito il partecipe pubblico salentino all’interno del Palazzetto dello Sport collocato presso l’ITC “V. Bachelet” di Copertino. Anche la boxe ha il suo fascino e ormai il suo successo è indiscusso. Grande è stata l’attesa per il grande ritorno sul ring del pugile professionista di Melissano, Andrea Manco . Il 20enne figther portacolori della scuderia milanese OPI 2000, ha collezionato una nuova bella prova al cospetto del pubblico leccese, davanti al quale si è fatto onore. Quindi Manco, dopo aver effettuato la fase tecnico-atletica all’interno della palestra di Via Mogadiscio a Copertino, sotto l'attento sguardo e la guida del maestro Francesco Stifani (tecnico della BeBoxe), ha affrontato – nella categoria dei Pesi Medi – il siciliano Carmelo “Pitbull” Terranova. Questo clou match per i due contendenti è l'occasione per ritornare alla vittoria. Manco, dopo tre vittorie (1 per ko) e un pareggio, si è quindi confrontato sul ring contro il 31enne di Avola. Terranova (2-3-1), quest’ultimo reduce dalla sconfitta contro il catanese Gaetano Guttà subìta lo scorso 2 marzo a Vittoria (Rg). «È stata una bella serata di sport – commenta il tecnico della BeBoxe – il mio staff ha lavorato molto per regalare una gradevole serata di pugilato, peraltro impreziosita da un match-clou davvero emozionante fino alla sesta ripresa. Entusiasta è apparso anche Terranova che al termine della sfida ha commentato «È stato davvero un bel match e Manco è un molto bravo anche se giovane e soprattutto dai colpi pesanti. Vorrei che la rivincita si svolgesse su un ring neutro». Pronta la replica di Manco che : «ho provato nella prima parte a buttarlo al tappeto con il montante ma, intorno alla quarta ripresa, ho subito compreso che davanti a me avevo un vero Pitbull.Di certo sono contento di aver conosciuto una persona squisita e di aver potuto stringere una bella amicizia con Carmelo».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!