Lo scapolare di Wojtyla in Puglia

Martina Franca. L’evento è organizzato dall’Arciconfraternita del Carmine di Martina Franca, in occasione delle celebrazioni per il terzo centenario

MARTINA FRANCA – La Chiesa del Carmine di Martina Franca accoglierà lo scapolare del Carmine indossato dal Beato Giovanni Paolo II. Karol Wojtyla ricevette lo scapolare del Carmine all’età di dieci anni. E non se ne volle mai separare, nemmeno in sala operatoria dopo l’attentato del 13 maggio 1981. L’evento è organizzato dall’Arciconfraternita del Carmine di Martina Franca, in occasione delle celebrazioni per il terzo centenario della fondazione avvenuta nel 1713, con il patrocinio del Comune di Martina Franca, della Giunta e del Consiglio regionale della Puglia. Il reliquiario arriverà a Martina Franca il 29 aprile; il luogo prescelto per l’accoglienza è piazza Roma, da dove proseguirà in processione solenne fino alla Chiesa del Carmine. Diversi gli appuntamenti religiosi previsti per celebrare l’evento, Il 30 aprile, alle ore 19,00, monsignor Filippo Santoro, arcivescovo metropolita di Taranto, celebrerà la messa. Il primo maggio, alle ore 19,00, sarà monsignor Michele Castellana, parroco della Chiesa del Carmine di Martina Franca, a farlo. Seguirà la conferenza “Un Segno per accelerare la speranza: lo Scapolare del Carmine”. La conferenza sarà introdotta da Paolo Miola, priore dell’Arciconfraternita del Carmine di Martina Franca. Relatore sarà Francesco Lenoci, docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e vicepresidente dell’associazione regionale Pugliesi di Milano. La partenza dello scapolare è prevista il 2 maggio, alle ore 17.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!