Virginio Briatore: 'Sindaco, fa’ la cosa giusta'!

Salve. Il noto designer milanese scrive al sindaco Passaseo perché fermi lo scempio in località Montani

(ph: 10 aprile 2013. I lavori vanno avanti con nuove porte e finestre per le mucche e/o il fieno!) SALVE – Perché bisogna guardare i fatti da lontano per vederli sottola giusta luce? Perché scrivono al Tacco dall'estero e dal nord Italia, per manifestare lo sdegno su quanto sta accadendo a Salve in località Montani? Perché le tante associazioni ambientaliste che qui s'indignano per il taglio di qualche albero di pino che danneggia le strade, tacciono invece sulla scelta di realizzare colate di cemento sulla grotta Montani, che si trova in un sito sotto vincolo paesaggistico ed è a sua volta censita nell'“ambito C2” del Putt come degna di tutela e valorizzazione? Che cosa qui fa tacere le coscienze? Quali poteri forti o occulti? Ecco intanto il bellissimo accorato appello di Virginio Briatore (www.virginiobriatore.com), noto artista e designer di fama internazionale. Egregio Dott. Vincenzo Passaseo, sul giornale on line Il tacco d'Italia, ho letto una notizia che ci ha profondamente amareggiato. Per anni con la mia famiglia e quelle di altri amici siamo venuti in vacanza proprio nel basso Jonio Salentino, sulle pendici del suo e dei Comuni vicini, dove affittavamo piccole case coloniche sulla meravigliosa collina di macchia mediterranea. Siamo venuti lì perché era uno degli ultimi luoghi della Puglia in cui la natura e il mare sono in sintonia. Ora nell'articolo della signora Maria Luisa Mastrogiovanni, che non conosco ma a cui va tutta la mia stima per l'accurata e documentata denuncia, vengo a sapere che anche nel luogo più mitico e panoramico, quello delle antiche Pajare, dove sembrava davvero di essere immersi in un’altra epoca, di essere parte di una storia antica e figli della Terra, i soliti speculatori stanno costruendo le solite orribili casette di parenti e amici! Ma come potete permettere che anche quegli ultimi pochi chilometri di paesaggio originale vengano distrutti per sempre? Come potete permettere che per l'interesse di 4 famiglie ignoranti, un ambiente archeologico, che è patrimonio dell'umanità, sia per sempre devastato e reso inaccessibile? Ogni volta che 'scendiamo' sulla costa ionica il cuore si deprime sempre più… ormai sembra la periferia di Barletta, quella di Jesolo o di Comacchio… solo cemento. Cemento utilizzato un mese all'anno ma osceno per 365 gg! Come potete pensare di salvaguardare i flussi turistici? Lo sapete che in Croazia ci sono isole intere e zone protette dove non si costruisce più, dove le automobili sono vietate, dove sentieri segnalati in mezzo alla macchia portano a spiaggette e pinete ombrose, dove le case sono affittate da giugno a ottobre e per trovare un appartamento libero bisogna telefonare a Pasqua? Povera Italia, senza cura del bene comune. Distruggendo le vestigia del passato e i pochi angoli di natura superstite state distruggendo il futuro dei vostri figli. Fermatevi. Fate investimenti sul futuro. Organizzate sentieri protetti, passeggiate a piedi o in bicicletta, escursioni alla scoperta delle piante aromatiche e curative della macchia Mediterranea, visite guidate ai siti ove i Messapi costruivano asce di pietra! Coraggio! Fate la cosa giusta. v.b. 13 aprile 2013 Un Comitato pro Spigolizzi Dopo la pubblicazione dell’inchiesta “Il Salento d’amare colpito al cuore” sono arrivate tante lettere di ringraziamenti e solidarietà. Tantissime quelle di lettori stranieri che amano il Salento, che hanno deciso di trasferirvisi, o che, pur non avendolo mai visitato, ne ammirano la bellezza in rete. Tra tutti è diffusa l’indignazione per lo scempio che si sta compiendo sulla serra Spigolizzi. Pubblichiamo le lettere più significative, omettendo in alcuni casi i nomi, per ragioni di sicurezza. mlm Dear friends! Ho letto tutti gli articoli. Avete ragione: pare davvero uno scandalo capitalistico-politico. Un imprenditore goloso di denari, si nasconte dietro la famiglia per far finta di costruire singole ville per le vacanze, in un complesso fatto per essre diviso in tanti appartamenti da vendere con facilità, protetto da una polizia privata, come in Florida (Usa). Anche a Presicce sta accadendo la stessa cosa. Ditemi che cosa posso fare, firmerò qualunque iniziativa contro questo progetto. Joerg Ciao, Its good to know we have the “police effectivo” (cioè i giornalisti del Tacco, ndr). Good luck, and thanks for what you are doing. Sigurd We wish you all the best with your fight against the vandals. Keep up the struggle! Tom and Marilyn A vedere il panorama mi verrebbe la tentazione di abitarne una… questo è il primo vero pensiero che ho avuto! Ma mi rendo conto del pericolo che la lottizzazione di massa comporta in posti così belli. Vi mando il mio sostegno e rinuncio a tentazioni maligne, fatemi sapere novità.Bye bye Silvia Well done! many thanks Dirk Non molliamo mai! Assunta I can only wish you well in your campaign. I see from your photos what you are objecting to, and I hope the strength of your case will convince 'them'. What Italians will do to their own land is horrifying all good wishes Joe Farrell (scrittore scozzese che sta scrivendo un libro su Dario Fo) Oh horreur. I will do my best to be convincing. Lots of love, Deborah We wish you all the best with your fight against the vandals. Keep up the struggle! Tom and Marilyn Purtroppo esistono ancora gli sciacalli del paesaggio e vanno fermati. Il dissenso rispetto ad un'opera abusiva deve essere scontato perchè è un'opera illegale, va accertato e punito con azione di ripristino a spese dei responsabili. Un abbraccio Carla Grazie per averci informato di questo ennesimo scempio del territorio. Ho mandato la Vs documentazione, con un mio commento di sostegno a queste persone: – Antonio Gianfreda, Consigliere Regione Puglia e Presidente Commissione Turismo e Ambiente; – Sergio Fracasso, assessore al Turismo comune di Tricase, esponente del partito di Vendola, il SEL; – Nunzio Dell’Abate, consigliere comunale di Tricase, rappresentante del PdL; – A tutti i gli iscritti all’Associazione Capo di Leuca Rurale che raccoglie i principali agritursimi della ns zona; – Francesco Greco, giornalista assai sensibile al territorio talentino. Un abbraccio Please excuse my ignorance of Italian but accept my gratitude to Maria Luisa Mastrogiovani for the courageous reporting on the tragic despoiling of the hill between Spigolizzi and Fano. I have not yet had the good fortune to visit, but know of this place from literature and art inspired there. The Salento's loss is also the world's. Kevin Connors New Hampshire, USA Qualunque strada si deciderà di intraprendere, io sono INSIEME A VOI. Fatemi sapere A presto Simona Miei cari, sono assolutamente solidale con voi e con la Mastrogiovanni. Maurizio Nocera Tutti gli articoli dell'inchiesta: Il Salento d'amare colpito al cuore Il villaggio con la 'stalla' al centro Salve, turismo a (sole) tre vele La collina delle selci

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!