Ticket. Longo: ‘Oltre al danno, la beffa’

Bari. Il consigliere dell’Udc riferisce di prestazioni mai eseguite eppure pagate per incorrere in sanzioni

BARI – Ticket per prestazioni sanitarie mai effettuate. Gli episodi, presso la Asl di Bari, sarebbero numerosi. Lo riferisce il consigliere regionale dell’Udc Peppino Longo secondo il quale “la Giunmta regionale, con la complicità della Asl, continua a scherzare con il portafoglio dei pugliesi e, soprattutto, dei poveri pensionati”. Longo fa sapere di ricevere “decine di segnalazioni riguardo ad utenti costretti a pagare ticket per prestazioni sanitarie mai effettuate pur di evitare di dover versare anche more ed interessi. Come dire, oltre il danno la beffa”. Molti di questi cittadini, dice Longo, sono pensionati che o per dimenticanza o perché non hanno più bisogno di effettuare le prestazioni, non riescono ad anare la richiesta. “E questo accade perché – aggiunge – il numero della Asl Bari da chiamare per cancellare la richiesta è perennemente irraggiungibile”. “Spieghino, allora, i vertici della Asl ed il governatore Vendola, come devono comportarsi questi poveri cittadini per non dover incorrere in sanzioni ed essere costretti a pagare prestazioni di cui non usufruiranno mai? Il neo assessore alla sanità, Elena Gentile, faccia uno dei suoi blitz anche nei centri di prenotazioni e si renda conto di quanto ogni giorno accade e, soprattutto, faccia in modo che i cittadini non siano costretti a privarsi di altri soldi, oltre quelli che già la Regione ‘preleva’ dalle loro tasche per una pressione fiscale che non allenta mai la presa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!