Quod non fecerunt barbari…

Due canzoni per il dott. Reich

Wilhelm Reich fu uno dei primi seguaci e collaboratori di Freud. Tra i freudiani fu il più politicizzato, perché, come certi surrealisti, tentò di conciliare marxismo e psicoanalisi. Forse la prima ingenuità fu proprio quella di pensare che sarebbe bastato liberare l’inconscio dalla tirannide del super-io, o che la liberazione sessuale fosse la Libertà maiuscola e assoluta. Eppure ispirò molti di coloro che analizzarono il rapporto fra le nostre nevrosi e la società industriale, e pare che persino la diffusione della contraccezione gli debba qualcosa. Negli ultimi tempi credette di aver scoperto l’Orgone, ossia un’energia universale che regolava mari e monti, dall’addensamento delle nubi in cielo alle erezioni nelle mutande degli uomini. Costruì perfino una macchina acchiappanuvole, che avrebbe fatto piovere sui deserti guidando l’energia orgonica nella direzione giusta. Ogni volta che piove ti ho qui fisso in testa, cantava Kate Bush in un video d’autore. Già Patti Smith gli aveva dedicato una canzone intensa e onirica. Entrambe adottavano il punto di vista del figlio, che nel ‘73 aveva pubblicato le sue memorie. Suo padre, sfuggito ai nazisti, era stato condannato da un tribunale USA, mentre l’FBI di Hoover gli mandava al rogo i libri e gli orgoni. In prigione, morì d’infarto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!