Al Must tra Musica e lettura

Lecce. Prevista per oggi la seconda delle serate promosse dal Comune di Lecce e dall’associazione Nireo

LECCE – Musica e lettura al Museo Storico di Lecce. È partita con successo l’iniziativa promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Lecce in collaborazione con l’associazione Nireo. Si tratta di un ciclo di quattro serate di musica e lettura in programma nelle quattro domeniche del mese di aprile alle ore 19. Il prossimo appuntamento è previsto dunque per oggi Si tratta di un’iniziativa di spessore e come dice, l’assessore al Turismo, allo Spettacolo e agli Eventi del Comune di Lecce, Luigi Coclite: “Vogliamo assicurare la molteplicità delle espressioni artistiche. Non solo, dunque, arti grafiche, ma anche musica e letteratura. L’obiettivo è quello di far conoscere meglio i nostri contenitori culturali e il Must rappresenta un punto di riferimento importante da questo punto di vista. Con questa iniziativa, di valenza culturale ed educativa, intendiamo avvicinare i cittadini all’amore verso la letteratura. Chiunque infatti potrà partecipare al concerto attraverso la lettura di alcuni brani”. Oggi toccherà al duo formato dalla fisarmonica di Rocco Nigro e dal sax di Francesco Massaro. Il 21 aprile spazio al duo Giulietta Keti Ritacca (arpa) e Cosetta Carbonara (flauto). Il 28 aprile si esibiranno la violoncellista Laura Ferulli ed il fagottista Marco Donatelli. “Musica e lettura” rientra tra le attività di animazione culturale del Must, in particolare nella rassegna “Must in art – generazioni a confronto” partita il 28 marzo e che si chiuderà a dicembre 2013. “Il Museo storico di Lecce – ha spiegato il direttore del Must e dirigente del settore Cultura, Nicola Elia – non è solo un luogo dove viene simboleggiata la rappresentazione del passato ma anche e soprattutto un luogo dove si racconta quotidianamente l’arte nelle sue innumerevoli sfaccettature”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!