Full Monty, spettacolo rinviato

Lecce. Lo spettacolo previsto per stasera al teatro Paisiello, è stato riviato al prossimo 22 aprile

LECCE – Era previsto al teatro Paisiello alle ore 21 di oggi. Ma è stato rinviato al prossimo 22 aprile a causa di problemi tecnici. Lo spettacolo “Salento Full Monty” che fa parte della rassegna “Teatro a 99 cent”, non andrà dunque in scena stasera. I biglietti già acquistati recanti la data del 3 aprile saranno considerati validi. Per eventuali rimborsi è possibile rivolgersi al front office del castello Carlo V dal 5 al 15 aprile 2013 (0832 246517). 3 aprile 2013 Full Monty, versione Salento LECCE – Prosegue con successo la rassegna Teatro a 99 Centesimi ideata da Carla Guido per l’Assessorato alla Cultura del Comune di Lecce. L’appuntamento è fissato per oggi, alle ore 21, al teatro Paisiello, andrà in scena Salento Full Monty, spettacolo della compagnia “Corte dei miracoli” di Maglie per la regia di Matteo Tarasco. I tempi di crisi si combattono con l'arte. Lo sa bene Robert Carlyle, protagonista indimenticabile del film Full Monty, pellicola che ha ispirato l'omonima pièce messa in scena dalla compagnia magliese. La storia, portata dalla periferia britannica al Salento, racconta di sette uomini, di quelli che si incontrano per strada o che ci siedono accanto sull’autobus, che cercano un modo per uscire dalla crisi economica. La disoccupazione per questi uomini e le loro famiglie non è solo lo spettro di una realtà incombente, ma la realtà vera e propria che li spinge ad aguzzare l'ingegno. Com’è naturale, tutto questo sconvolge pesantemente la loro vita, la loro identità e i loro rapporti con la famiglia, mette in forse le loro certezze e li costringe ad una “vivace” reazione. Dopo aver superato le perplessità del caso, ognuno con motivazioni diverse, aderirà ad un folle progetto di riscatto e rivalsa, entusiasticamente promosso e sostenuto dal direttore artistico della compagnia, che teme di perdere la potestà sul figlio. Ognuno di loro in fondo ci rappresenta, si fa portavoce delle incertezze e delle ansie che ci colpiscono in tempi come questi. Dalla loro però hanno una gran voglia di mettersi in gioco e un invidiabile coraggio, che li porta a reinventarsi, a sfidare i giudizi e i pregiudizi comuni, ad andare in direzione contraria rispetto al pensiero dominante che li vuole prodotti efficienti di questa società informatizzata, che sempre meno lascia spazio ai sogni e alla fantasia. Proprio l'ingegno li porta così verso l'impensabile, ossia mettere in scena il più grande spettacolo di tutti i tempi, uno spettacolo che si annuncia pruriginoso e che accentra l'attenzione di tutti i loro conoscenti, ossia uno strip maschile in cui si toglieranno anche le mutande, sfidando i giudizi e i pregiudizi comuni a suon del coraggioso motto “Se la crisi ti ha messo in mutande, tu toglitele!”. La storia, dunque, è la dimostrazione che non importa essere belli, ricchi e perfetti: bisogna essere se stessi, con le proprie debolezze e fragilità, ma con forza credere fermamente in una possibile via d’uscita, non lasciarsi vincere dalle difficoltà, ma avere sempre l’entusiasmo di proporsi ironicamente e con grande spontaneità. Lo spettacolo sarà interpretato da Massimo Giordano, Antonio Botrugno, Fernando Colazzo, Antonio Gemma, Raffaele Gili, Gianfranco Massaro e Giuseppe Resta, mentre l'adattamento e la regia sono stati affidati a Matteo Tarasco, virtuoso del palcoscenico, che ha già diretto la Corte de' Miracoli con Pene d'amore perdute di William Shakespeare e Le nozze da Anton Cechov. Assistente alla regia Patrizia Miggiano; costumi Rosanna De Donno e Mariella Galati. Info e prevendita: Castello Carlo V (Lecce) tel. 0832 – 246517; [email protected]; www.comune.lecce.it Ingresso agli spettacoli: 0.99 centesimi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!