‘Old machine’. Bellanova: ‘Si sblocchi la produzione’

Casarano. La deputata del Pd chiede di rivedere il sequestro senza facoltà d’uso della Iris Sud

CASARANO – Si cerchi un percorso alternativo al blocco della produzione. Lo chiede la deputata del Pd Teresa Bellanova, commentando gli ultimi risvolti dell’inchiesta “Old machine” sulla presunta truffa praticata da Filanto. “Esprimo il mio totale rispetto per il lavoro della magistratura, per quanto riguarda l'accertamento di eventuali atti illeciti, a maggior ragione trattandosi di un'ipotesi di manipolazione di strumenti pubblici volti a sostenere un'attività produttiva storicamente centrale nello sviluppo del Salento – dice la parlamentare -. Non posso però silenziare le mie preoccupazioni in primis per il destino di un centinaio di posti di lavoro, quelli della Iris Sud, tra i pochissimi che fino a ieri sembravano in grado di sopravvivere alla durissima crisi che ha investito il territorio salentino e casaranese nel corso di questi anni. Ed inoltre per il destino di un’area produttiva che ha già pagato un caro prezzo per questa crisi, in termini di perdita dell’occupazione e stallo dell’economia”. “Sono fermamente convinta che la magistratura debba procedere serenamente nel proprio fondamentale lavoro, al riparo da qualsiasi interferenza – aggiunge -. Resta tuttavia la speranza che si riesca a trovare un percorso alternativo al blocco della produzione. Il rischio enorme è che il peso di eventuali violazioni della legge finisca per ricadere sulle spalle, già notevolmente indebolite, delle lavoratrici, dei lavoratori e delle rispettive famiglie”. Articolo correlato: Filanto: ‘Danni alla Regione e truffa all'Inps'. Sequestro da 10,5 milioni

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!