Alla ricerca del Santo ‘perduto’

L’arrivo delle spoglie di San Giuseppe in città ha rivitalizzato l’indole “macinnulara” dei copertinesi

di Giovanni Camisa Che l'arrivo a Copertino delle mortali spoglie del nostro Santo patrono avesse rivitalizzato l'intero tessuto sociale sembrava un'evidenza sotto gli occhi di tutti. In queste settimane in città è stato tutto un susseguirsi di iniziative di varia natura: mostre fotografiche, rappresentazioni teatrali, convegni filosofici. Tutto faceva sperare in una sorta di “rinascimento copertinese”, agevolato magari dal tocco divino. Ma ad essere rivitalizzata, oltre alla vita sociale, è stata anche l'indole antropologica dei concittadini del Santo. Indole ben rappresentata dalla “ngiuria” che da tempo immemore ci etichetta come “macinnulari”, vale a dire gente che parla e sparla per il puro piacere dell'eloquio. E' cosi che in città, e di riflesso sul web, ben presto sono cominciate a circolare le prime polemiche: dai fazzoletti miracolati “venduti” in Basilica, al rinvio della “Urteddra” (pasquetta dei Copertinesi), alla chiusura del Santuario alle visite dei fedeli durante il triduo pasquale è stato tutto un crescendo di invettive e proteste. C'era da aspettarselo, eppure qualcuno nel miracolo aveva creduto. Certo trattandosi di cose spirituali ogni certezza empirica viene meno, ma qual è l'insegnamento che la comunità ha tratto dall'illustre visita ancora in corso? Qual è l'esempio che vogliamo seguire? Quali gli insegnamenti che vogliamo trarre? Troppo presto ancora per dirlo. Di certo, come qualcuno ha distrattamente scritto sui social network, sembra proprio che la Divina Provvidenza ci abbia visto bene quando ha consegnato le spoglie del nostro S. Giuseppe a custodi fisicamente ben lontani dalle umane imperfezioni dei copertinesi, quasi a proteggerlo dai suoi stessi concittadini. S. Giuseppe volava alto allontanandosi dalle terrene insidie e un po' anche dalla sua copertinesità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!