Blitz al Fazzi. Negro plaude a Gentile

Lecce. Il presidente regionale dell’Udc ha dichiarato apprezzamento per l’operato della nuova assessora alla Sanità

LECCE – “Il blitz dell’assessore Gentile al Vito Fazzi di Lecce è il segnale di un metodo più incisivo nell’azione di governo perché consente di conoscere direttamente i problemi e quindi di affrontarli e risolverli. Ecco perché, come Udc, da tempo chiediamo che in Giunta ci siano più politici eletti e meno tecnici che spesso, come l’esperienza ci insegna, non sono in grado di interpretare i bisogni della gente e farsene carico”. Il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, ha espresso apprezzamento per l’iniziativa dell’assessora alla Sanità Elena Gentile che ieri mattina, a sorpresa, ha visitato la struttura ospedaliera di Lecce dove ha trovato macchinari obsoleti di cui ha chiesto l’immediata sostituzione. Si tratta solo di una delle iniziative intraprese da Gentile che ha in mente un vero e proprio tour tra gli ospedali pugliesi per verificarne le condizioni e cercare di risolverne le criticità. “L’assessore Gentile è andata al cuore del problema – ha sottolineato il capogruppo Udc –; sono queste le azioni che avrebbe dovuto fare il presidente Vendola se fosse stato presente tutti i giorni in Puglia sin dall’inizio del suo secondo mandato. Chi ha responsabilità di governo deve accertare di persona le cause di tanti gravi casi di malasanità che ogni giorno la cronaca ci segnala, per capire se è solo un problema di carenza di personale e di mezzi o se c’è dell’altro. Queste – ha concluso il presidente Negro – sono le azioni di Governo che come Gruppo Udc ci sentiamo di sostenere e sulle quali continueremo a portare avanti la nostra battaglia politica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!