Puglia sempre più a banda larga

C’è anche la Puglia tra le dieci regioni del Piano nazionale del Ministero per lo Sviluppo economico,. Obiettivo: abbattere il digital divide

La Puglia si prepara a colmare la distanza che la separa dalle regioni più all’avanguardia nel settore della connessione a banda larga. C’è infatti anche la nostra regione tra le dieci interessate dal Piano nazionale per la banda larga per il quale è stato appena avviato il quinto bando di gara. Il progetto è cofinanziato dal Ministero per lo Sviluppo economico e dalle Regioni interessate anche avvalendosi di fondi comunitari. L'importo complessivo dei lavori supera i 95 milioni di euro e prevede un investimento di oltre 122 milioni (Iva esclusa) per l'abilitazione all'offerta dei servizi a larga banda, mediante la costruzione di circa 4.000 km di rete in fibra ottica in oltre 500 aree comunali e sub comunali, in prevalenza in zone ad alta intensità rurale e distretti produttivi. Intanto é stata aperta anche la consultazione pubblica (sino al 21 aprile) per le aree oggetto del bando a incentivo che permetterà di azzerare definitivamente il digital divide anche nelle aree più remote del Paese. Secondo le stime, oltre 3mila aree comunali e sub comunali saranno interessate dalla dotazione di apparati elettronici. Il quinto ed il sesto intervento del Piano, che si svilupperanno nei prossimi due anni, permetteranno ad oltre 2,8 milioni di cittadini di conquistare l’accesso alla banda larga. In questi due anni saranno occupate circa 1.800 persone tra progettisti, tecnici ed operai in oltre 500 cantieri mobili per la realizzazione di reti in fibra ottica e circa 3mila cantieri per l'installazione di apparati elettronici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!