L’altare di San Tommaso ritorna ai fedeli

Lecce. Dopo un restauro di cinque mesi, l’ara oggi tornerà a mostrarsi al pubblico in occasione delle celebrazioni per l’Addolorata

LECCE – Sarà restituito ai fedeli, dopo un intervento di restauro durato cinque mesi. Ritorna a mostrarsi al pubblico l’altare seicentesco di S. Tommaso da Villanova, situato all’interno della Chiesa di S. Angelo, presso il santuario Mariano dell’Addolorata di Lecce. L’ara sarà scoperta alle ore 18 di oggi, in occasione in occasione delle celebrazioni in onore di Maria SS. Addolorata cui la chiesa è dedicata e alla presenza dell’arcivescovo di Lecce Domenico D’Ambrosio, che presiederà l’eucarestia. La dedicazione popolare con cui la chiesa è conosciuta risale ad un episodio miracoloso. Un giorno, secondo quanto narra l’Infantino, mentre le chiesa era gremita, ne crollò la volta. Nessuno rimase ferito, perché tutti i presenti furono attirati fuori dal misterioso suono di tromba. Tutti cedettero subito che quel suono e lo scampato pericolo fossero opera dell’Arcangelo Michele, nel giorno della vigilia della festività in suo onore. Così la chiesa fu dedicata a S. Michele Arcangelo.

altare restauro

L'altare prima del restauro L’altare è stato oggetto di un minuzioso intervento di restauro ad opera della ditta Anna Calabrese di Lecce con il coordinamento del direttore dei lavori Raffaele Parlangeli e sotto l’alta sorveglianza di Antonella Di Marzo della Soprintendenza per il beni storico-artistici di Bari. Il restauro ha recuperato lo splendore originale dell’altare, liberandolo da integrazioni e stuccature improprie, da elementi estranei come ridipinture, ripassature, sporco di varia natura. L’intervento, inoltre, ha risanato il monumento da attacchi biologici e microbiologici, riconsolidandolo in tutti i suoi strati, ed infine reintegrandolo dal punto di vista plastico e cromatico. Il recupero, finanziato interamente con le elargizioni dell’Arciconfraternita dell’Addolorata (presidente Nino Stanga), rientra nel grande progetto di restauro di tutti gli altari che adornano il santuario. Sempre a cura della ditta Calabrese, sono stati già recuperati l’altare Maggiore, l’altare di S. Michele Arcangelo e l’altare dell’Immacolata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!