Fimaa Lecce, Arseni presidente

Lecce. Il sindacato di Confcommercio che rappresenta i mediatori e gli agenti di affari ha eletto i suoi organi rappresentativi

LECCE – Valerio Arseni, titolare dello “Studio Immobiliare Arseni”, è il nuovo presidente della Fimaa Lecce, il sindacato di Confcommercio che rappresenta i mediatori e gli agenti di affari. Del nuovo Consiglio direttivo fanno parte Camillo Barone (Blu Immobiliare), al quale è stato affidato l’incarico di vice presidente, Luca Panico (D&P Immobiliare), che sarà il segretario del sindacato, Maria Galeone (Galeone Immobiliare), Giuseppe Magliocco (Loft Servizi Immobiliari), Giuseppe Papadia (Retecasa), Mario Rizzo (mediatore merceologico). Il neo presidente ha indicato sin da subito le linee programmatiche del suo mandato, che si sostanziano in tre punti fondamentali: la formazione permanente dei colleghi, il dialogo con gli Ordini professionali complementari al settore, la collaborazione con le istituzioni del territorio. “Accrescere la professionalità di ogni collega e favorire l’acquisizione di maggiori competenze e conoscenze – ha affermato Arseni – sarà il punto di partenza per creare professionisti capaci di essere competitivi sia a livello locale e nazionale, sia a livello internazionale”. “Non meno importante sarà creare una rete ‘attiva’ tra tutti gli associati Fimaa Lecce, così come fondamentale sarà l’interazione con tutti quei soggetti, in particolare con gli Ordini degli ingegneri, degli architetti, dei geometri e con tutti i professionisti complementari al settore, con i quali sarà necessario avviare efficaci relazioni collaborative”. Arseni ha infine richiamato l’importanza di elaborare una strategia di comunicazione comune con le Istituzioni e gli organi che presiedono la promozione del territorio, invocando forme e strumenti utili a sostenere un’offerta che si arricchisca anche della componente immobiliare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!