Rimpasto Giunta. Pd, fiducia a Vendola

Bari. Il gruppo del Partito democratico ha approvato all’unanimità un documento in cui accetta le scelte del governatore e propone una Giunta a dieci

BARI – E fiducia fu. Il gruppo consiliare del Pd ha votato all’unanimità un documento in cui conferma la propria adesione alla Giunta regionale di Nichi Vendola così come da questi modificata in seguito al rimpasto della scorsa settimana. Sciolti anche i nodi Stanisci e Decaro che, nominati assessori dal governatore, hanno preferito declinare l’invito: non si sostituiscano – suggerisce il Partito democratico – e si faccia una Giunta a dieci, anche nel nome di una riduzione dei costi della politica. Ecco il testo integrale del documento approvato all’unanimità dal Gruppo Pd: “La composizione della squadra di governo appartiene alle prerogative del presidente che, peraltro, le ha sempre esercitate in piena autonomia. Il Pd ha il diritto, al pari delle altre forze politiche della coalizione, di chiedere chiarimenti ed esprimere valutazioni, ma non ha a da rivendicare per i propri uomini e donne, e si rimette a una discussione collegiale col presidente e con la maggioranza solo per quanto attiene il programma delle cose da realizzare. Ne deriva pertanto la nostra fiducia al presidente, al programma di fine mandato che condivideremo e all’esecutivo scelto, per il quale il Pd, prendendo atto delle dimissioni di Decaro e Stanisci, non avendo a a pretendere, chiede che la composizione sia contenuta nel numero di 10 assessori con una riduzione degli assessori esterni. Ciò al solo fine di dare un buon esempio in materia di contenimento dei costi della politica che in questo momento storico è l’unico argomento che attribuisce credibilità a tutti i programmi e a tutte le migliori intenzioni”. Articoli correlati: Regione, ecco la nuova Giunta Rimpasto. Il Pd batte i pugni. Vendola: ‘Pronto a dimettermi' Stanisci dice di no a Vendola

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!