Lite con spari in via Del Mare. Mistero sulle cause

Lecce. Ad avere la peggio, il titolare di un locale per bambini, ferito alla testa. Che non ha fornito ipotesi sulle cause dell’accaduto

LECCE – Una lite violenta in strada con l’esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco. E’ stata la segnalazione giunta la scorsa notte agli agenti delle Volanti leccesi che dunque si sono portati sul luogo segnalato, via Del Mare. Lì, i militari hanno trovato il titolare di un locale adibito a feste per bambini, “Svago e divertimento”, in evidente stato confusionale e con una ferita alla testa, probabilmente provocata da un oggetto contundente. L’uomo ha riferito di essere stato aggredito poco prima da una persona a lui sconosciuta, mentre stava portando un sacco di rifiuti verso il cassonetto vicino al locale. Lo sconosciuto, corporatura robusta ed altezza media, indossava un giubbotto tipo bomber con un cappuccio che gli copriva il volto, e, impugnando una pistola, avrebbe esploso alcuni colpi. Constatato che la pistola era caricata a salve, poiché nessun proiettile lo aveva colpito, la vittima dell’aggressione si sarebbe avvicinata per disarmarlo, ma lui l’avrebbe colpito alla tempia con il calcio della pistola per poi fuggire a piedi. Sul posto è giunta anche un’ambulanza il cui personale sanitario ha prestato la prime cure all’uomo, diagnosticando una ferita lacerocontusa guaribile in dieci giorni. La polizia scientifica ha rinvenuto cinque bossoli calibro 7,65 e, nelle immediate vicinanze dei bidoni della raccolta differenziata, un paio di occhiali da vista, probabilmente appartenuti all’aggressore. Al momento non si conosce il motivo dell’aggressione, dal momento che la vittima ha dichiarato di non aver mai subito minacce tali da giustificare un simile accaduto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!