Smart community. Esperti internazionali a Lecce

Lecce. Processi di innovazione e di miglioramento della qualità della vita. Oggi alle Cantelmo la presentazione dei risultati del progetto europeo “Outsmart”

LECCE – Aarhus (Danimarca), Berlino (Germania), Birmingham (Regno Unito), Santander (Spagna), Trento e Lecce (Italia): sei città europee e cinque Paesi a convegno, oggi, a partire dalle ore 9, alle Officine Cantelmo di Lecce, per il workshop internazionale “European opportunities looking at our territory: Lecce Smart Community”. All’ordine del giorno, la presentazione dei risultati del progetto europeo “Outsmart”, attraverso la voce delle città che ne sono state protagoniste e con l’intervento dello European Network of Living Lab (EnoLL). Nello scenario contemporaneo di una crisi globale, diventa di vitale importanza innescare processi di innovazione in grado di apportare miglioramenti significativi alla qualità della vita delle città, garantendo peraltro la sostenibilità dell’intero sistema economico, sociale e ambientale nel lungo e medio termine. In questo contesto la smart community diventa fondamentale per sviluppare una visione complessiva dell’economia, capace di assecondare i cambiamenti di scenari in corso e di favorire al contempo uno sviluppo più equo, solidale e sostenibile dell’economia stessa. Un processo già avviato con il Living Lab di [email protected], che verrà presentato come opportunità concreta di sviluppo per il territorio pugliese e che prevede la partecipazione diretta dei cittadini-utenti al fianco delle istituzioni coinvolte nel progetto, consentendo un utilizzo “smart”, sostenibile e proficuo, delle nuove tecnologie e dell’integrazione dei servizi e superando di fatto i compartimenti stagni che spesso limitano la capacità degli enti pubblici di incidere positivamente sulla qualità della vita diffusa delle città. Il workshop si concluderà infatti con l’intervento del presidente del Major Cities of Europe, Giorgio Prister, che modererà una tavola rotonda di confronto tra operatori locali e gli ospiti internazionali, e con l’invito del sindaco Paolo Perrone a tutti gli operatori a partecipare attivamente al percorso di confronto e concertazione avviato dal Comune di Lecce sul tema “Lecce Smart City”, auspicando l’utilizzo del Living Lab come strumento di raccordo fra le necessità del capoluogo salentino e i nuovi modelli politico-amministrativi europei: obiettivo, favorire nuove sinergie e partnership in vista della nuova programmazione comunitaria 2014/2020 e della candidatura di Lecce a Capitale Europea della Cultura 2019. Ecco il programma del workshop: ore 9: registrazione dei partecipanti; ore 9.30: avvio dei lavori e saluti delle istituzioni presenti (Alessando Delli Noci, assessore alle Politiche Comunitarie – Smart City del Comune di Lecce, Loredana Capone, vicepresidente della Regione Puglia, Domenico Laforgia, Magnifico Rettore dell’Università del Salento di Lecce, Alfredo Prete, presidente della Camera di Commercio di Lecce, Lorenzo Vasanelli, presidente del Distretto Tecnologico Dhitech); ore 10: “Future Internet Public Private Partnership Programme: l’esperienza del progetto Outsmart” (capo-progetto Gilles Grattard, France Telecom (FR), responsabile divulgazione Mirko Presser, Alexandra Instituttet (DK); città rappresentate Aarhus, Berlino, Birmingham, Santander, Trento); ore 11.30: coffee break; ore 12: “Iniziative europee per le Smart Community – keynote speaker. Il ruolo dei living lab per l’animazione delle smart communities” (Tuija Hirvikoski, consigliere EnoLL, direttrice presso la Laurea University); “[email protected]: una opportunità per il territorio pugliese” (Lanfranco Marasso, responsabile Progetto Dhitech); “Il percorso delle città europee verso le smart community” (Giorgio Prister, presidente del Major Cities of Europe Group); ore 13: tavola rotonda “Lecce smart community” (moderatore Giorgio Prister, partecipanti Raffaele Parlangeli, dirigente Programmazione strategica e comunitaria del Comune di Lecce; Antonella Bisceglia, dirigente Politiche per lo sviluppo economico, lavoro e innovazione; Luca Mainetti, docente presso l’Università del Salento; Giancarlo Negro, Confindustria Innovazione); ore 14: conclusione dei lavori a cura del sindaco di Lecce Paolo Perrone. A seguire colazione di lavoro e possibilità di incontri B2B con Imprese, Istituzioni e Università. L’evento è organizzato dall’assessorato alle Politiche Comunitarie del Comune di Lecce in collaborazione con la Camera di Commercio di Lecce, del Distretto Tecnologico Dhitech e con il contributo del Progetto Europeo “Outsmart” (con traduzione simultanea).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!