Regione, ecco la nuova Giunta

Bari. Il rimpasto fa dimagrire: dodici assessori invece di 14. E la metà sono donne

BARI – Dodici assessori al posto dei “vecchi” 14. E la metà sono donne. E’ la nuova Giunta regionale di Nichi Vendola, effetto al rimpasto realizzato dal presidente in seguito all’esito delle Politiche di febbraio che hanno eletto al Parlamento Nicola Fratoianni, Michele Pelillo, Dario Stefano. Dal nuovo esecutivo escono anche Ettore Attolini, che tuttavia resterà al fianco di Vendola con il ruolo di consulente del per le politiche della salute, Marida Dentamaro, tecnica in quota Pd, non sostenuta fino in fondo nella “trattativa” dal suo stesso partito, Fabiano Amati, anche lui Pd, e Maria Campese, che si recentemente schierata con Antonio Ingroia e la sua Rivoluzione civile. “Sarà un corpo a corpo tra la politica e la povertà – ha commentato Vendola -, questo sarà il tema degli ultimi due anni di governo. Stiamo vivendo una fase nuova, abbiamo la necessità di rendere più efficace la nostra azione”. “Abbiamo detto che dovevamo concentrarci sulla costruzione di un governo che avesse caratteristiche particolari – ha aggiunto -, un governo che combattesse la povertà e la paura perché questi sono i problemi che vivono le famiglie in Puglia, come in tutta Italia, Questa guerra ha bisogno di essere combattuta prima di tutto dalle istituzioni, dal governo regionale. Io ho fatto le mie scelte, ho chiesto a chi ha lavorato bene di lasciare il posto da combattimento e ho chiesto a energie nuove di venire a rappresentare un punto di riferimento per dare speranza e prospettive e per fare scelte urgenti di cambiamento e di difesa della Puglia”. Ecco la nuova Giunta: Angela Barbanente (Bari), esterna, vicepresidente, assessora alla Qualità del Territorio con delega all’Assetto del Territorio, Beni Culturali, Politiche abitative, Urbanistica. Rosa Stanisci (San Vito dei Normanni), esterna, assessora alle Risorse Umane con delega al Personale e Organizzazione. Coordinerà a mezzo del Servizio personale l’attività in materia di anticorruzione. Loredana Capone (Lecce), Pd, assessora allo Sviluppo Economico con delega alle Attività economiche e consumatori, Competitività, Energia Reti e Infrastrutture materiali per lo sviluppo, Internazionalizzazione, Ricerca Industriale e Innovazione. Antonio Decaro (Bari), Pd, assessore alle Infrastrutture e Mobilità con delega alle Reti e Infrastrutture per la mobilità, Verifiche e Controlli dei Servizi TPL, Lavori Pubblici. Decaro è un neoparlamentare che quindi dovrebbe lasciare Montecitorio prima ancora di esserci entrato ufficialmente. Abbandonando il ruolo di deputato, il suo posto andrebbe a Fritz Massa, leccese del Pd. Tuttavia Decaro ha diffuso una nota ufficiale in cui si dice orgoglioso ed onorato della nomina da parte di Vendola ma di voler sentire il parere del suo partito prima di accettarla. Elena Gentile (Cerignola), Pd, assessore al Welfare, con delega alle Politiche di Benessere sociale e Pari Opportunità, Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria, Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione, Programmazione Assistenza Sanitaria e specialistica, Gestione accentrata e Finanza Sanitaria, Accreditamento e Promozione Sanitaria. Leonardo Di Gioia (Foggia), assessore al Bilancio con delega all’Autorità giudiziaria, Contenzioso Amministrativo, Demanio e Patrimonio, Bilancio e Ragioneria, Finanze, Provveditorato ed Economato. Con Di Gioia Vendola “apre” al centro di Mario Monti, modificando in parte l'identità della propria compagine di governo. Guglielmo Mnivervini (Molfetta), assessore alle Politiche Giovanili, Trasparenza e Legalità con delega Politiche giovanili e cittadinanza sociale, Sport per tutti, Protezione Civile. Leo Caroli (Cisternino), assessore al Lavoro con delega Politiche per il Lavoro. Silvia Godelli (Bari), esterna, assessora al Mediterraneo, Cultura, Turismo con delega Cultura e Spettacolo, Mediterraneo, Turismo. Lorenzo Nicastro (Bari), assessore alla Qualità dell’Ambiente con delega ad Ecologia, Ciclo Rifiuti e Bonifica, Rischio Industriale. Alba Sasso (Bari) assessora al Diritto allo Studio e Formazione con delega a Scuola Università, Formazione Professionale. Fabrizio Nardoni (Taranto), appartenente a Sel, assessore alle Risorse Agroalimentari con delega ad Agricoltura, Alimentazione, Riforma Fondiaria, Caccia e pesca, Foreste. Restano a Vendola le funzioni inerenti l’Avvocatura Regionale, le Politiche legislative, Controlli e Partecipate, Relazioni Istituzionali ed Internal Audit, Attuazione del Programma, Comunicazione Istituzionale, Risorse Naturali, Tutela delle Acque.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment