Il verde pubblico? In adozione

Lecce. Sette aziende vivaistiche hanno adottato 12 aree verdi del Comune di Lecce provvedendo alla manutenzione gratuita

LECCE – Sette aziende vivaistiche di Lecce adotteranno 12 aree verdi provvedendo alla cura e alla manutenzione di numerose aiuole cittadine. Il progetto, avviato dall’Amministrazione comunale, è stato presentato ieri nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte l’assessore al Verde Pubblico, Gaetano Messuti e i rappresentanti di alcune ditte florovivaistiche. “E’ un percorso che abbiamo testato a più riprese nel corso degli anni e che finalmente siamo riusciti a portare e termine – ha spiegato Messuti -. Basti pensare che nel 2008 realizzammo un bando, andato poi deserto, per la sponsorizzazione ai privati di alcune aree verdi. Sono felice oggi di avviare quello che può essere definito, a giusta ragione, un modello partecipato di gestione delle aree verdi comunali. Si tratta di una rivoluzione per quanto riguarda il rapporto tra aziende e pubblica amministrazione. Ringrazio, a questo proposito, le aziende vivaistiche per la grande disponibilità mostra in un momento molto difficile sul piano economico”. Di seguito le ditte e le aree verdi nelle quali saranno eseguiti interventi di arredo urbano con fornitura di essenze arboree e piante stagionali a titolo gratuito: Vivai Rizzo Carmelo: piazzetta Raimondo Orsini e viale De Pietro; Vivai Rizzo Daniele: viale Felice Cavallotti angolo via 95° Reggimento Fanteria (piazza Tito Schipa); Vivai Tarantino: via Orsini del Balzo angolo viale Otranto; viale Guglielmo Marconi angolo viale Felice Cavallotti; Idea Verde di Fabio Rizzo: via Achille Costa, piazzetta Nicola De Pace; Hobby Flora: fioriere di piazza S. Oronzo e di via Trinchese; Puzzovio Piante: piazzetta De Pace e piazza Mazzini (aiuole laterali); Linea Verde: rondò di via Saponaro (dove sarà sperimentato il tappeto sintetico).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!